itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Un report dalla conferenza sul "Master in Satelliti e Piattaforme Orbitanti"

Si è tenuto presso la Facoltà di Ingengneria Civile e Industriale, in collaborazione col Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale, situato in via Eudossiana 18. A tenere la conferenza sono stati principalmente il Prof. Paolo Gaudenzi dell'Università La Sapienza di Roma, e Pascal Legai -  Direttore dell'European Union Satellite Center (EU SatCen). Il contributo non è stato solo da parte della Sapienza che ha ospitato la conferenza, oltre ad avervi partecipato con professori e studenti, ma anche da parte di Thales Alenia Space, Telespazio, l'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e la SITAEL.

L'ospite più atteso è stato sicuramente Pascal Legai, presentato dal prof. Gaudenzi in lingua inglese, che ha aperto la conferenza ringraziando tutti i presenti, in lingua però italiana, ed in particolare i suoi studenti con la quale vi collabora. Il microfono è stato subito gentilmente ceduto al Direttore del SatCen che ha mostrato a tutti gli ospiti una serie di slide particolarmente coinvolgenti e ricche di immagini, con l'obiettivo di chiarire l'importanza di questo master. Pascal Legai ha tenuto la conferenza parlando esclusivamente in lingua inglese e le slide erano strutturate in 4 punti principali:

1) L'impegno Politico

2) Perchè l'Earth Observation può aumentare la sicurezza europea?

3) La questione dell'Unione Europea

4) Prospettiva degli sviluppi

Per quanto riguarda 'l'impegno politico' menzioniamo alcuni dei punti chiavi divulgati dal Direttore del SatCen: Il trattato di Lisbona del 2009 sulla quale Legai si è soffermato molto, ed il consiglio europeo del 2013, punti fondamentali per una chiara visione di quelli che sono gli aspetti politici.

Nel secondo punto Legai pone inizialmente una questione a tutti i partecipanti: può lo sviluppo dell'EU capacitarsi della rilevanza del programma Earth Observation per quanto riguarda le esigenze di sicurezza e di difesa sia civili che militari? Un altro aspetto fondamentale del secondo punto è stato sicuramente quello di seguito divulgato: La funzione "conoscenze e anticipazioni".

Nel terzo punto Legai ha speso gran parte del tempo suo tempo a disposizione, ponendo in esame il nostro caso e cioè quello europeo. Ha citato più volte la politica italiana Mogherini (alto rappresentante dell'unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza) con la quale ha avuto una serie di incontri. Ha mostrato una foto di un esempio pratico del master, facendo vedere una foto di una ragazza al prese con un progetto al computer. Le fonti dei dati utilizzati dal SatCen sono dovuti a molti dei satelliti italiana, ne citiamo alcuni sia italiani che europei in generale, mostrati da Legai:


- Geoeye

- Ikonos

- QuickBird

- Spot 6

- Worldview

- Pleiades

- Cosmo-Skymed

 

Nel quarto ed ultimo punto chiave delle slide di Legai legate alle prospettive di sviluppo futuro menzioniamo: la forte cooperazione interna dell'EU grazie anche a questo master, l'incremento della cooperazione degli Stati membri e la possibilità di aumentare le partnership con Stati terzi e le organizzazioni internazionali. Infine il Direttore generale dell'European Union Satellite Center ha riservato uno spazio legato alle possibili domande per studenti e professori. Maggiori informazioni inerenti al master, si potranno ottenere sul sito che è in via di sviluppo cliccando qui.


Fonte: (Redazionale)

 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khkrx

 

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

geologia open data ISPRA topcon geolocalizzazione esri digital geography terremoto monitoraggio arcgis cantiere codevintec top story archeologia teorema nuvole di punti catasto europeo BIM protezione civile top world faro beni culturali posizionamento satellitare fotogrammetria copernicus geospatial internet of things lidar gestione emergenze scansione 3D rilievo reti tecnologiche gps leica geosystems GNSS FOIF geomax storytelling Harris energia dati geografici cnr open source sar rilievo 3d CAD beidou rndt dati apr leica smart city sicurezza oceanografia telerilevamento cartografia geodesia Stonex pianificazione mobile mapping termografia formazione intelligenza artificiale dissesto idrogeologico esa urbanistica uav top terra e spazio topografia smart mobility autodesk tecnologia qgis geofisica interferometria Toponomastica big data sensore rischio meteorologia ricevitori geomatica e-geos aerofotogrammetria realtà virtuale smartphone Bentley territorio remote sensing realta aumentata satelliti SIFET hexagon osservazione dell'universo trasporti planetek sentinel scienze della terra catasto stazione totale multispettrale utility INSPIRE asita app numerazione civica mobilita open geo data INTERGEO webGIS in cantiere galileo droni sinergis Epsilon Italia eGEOS asi laser scanner microgeo misurazione servizi agricoltura ingv uso del suolo technologyforall geoportale trimble infrastrutture ortofoto GIS osservazione della terra metadati tecnologie avanzate 3D progettazione autocad Here openstreetmap terrelogiche coste modellazione 3d esri italia mappe mare spazio flytop ambiente cosmo skymed ict
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps