itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Una Smart City utilizza la posizione come principale organizzatore per dare benefici a residenti, visitatori e aziende di tutti i tipi.

Da OGC una white paper per la comunicazione spaziale nelle Smart Cities

In un articolo di Ron Exler apparso su Directions Magazine si riportava il fatto che nel 1960, il 34 per cento della popolazione mondiale viveva nelle città, mentre oggi, i residenti urbani costituiscono il 54 per cento della popolazione mondiale totale. Le Nazioni Unite prevedono che la percentuale aumenterà al 66 per cento entro il 2050.

A seguito dell’aumento della popolazione urbana, aumenta anche rapidamente la necessità di integrare meglio i sistemi fisici, digitali e umani per sostenere la crescita urbana. Le città intelligenti stanno rispondendo alla necessità di integrazione dei sistemi attraverso le tecnologie digitali che si basano sulla posizione come metodo primario per organizzare informazioni e servizi urbani, ma comunicare efficacemente la posizione richiede standard.

Riconoscendo questa necessità, l'Open Geospatial Consortium (OGC) ha rilasciato un nuovo framework di standard aperti per le comunicazioni spatial a beneficio delle Smart Cities con una White Paper “Smart Cities Spatial Information Framework. La white paper si può visualizzare e scaricare gratuitamente.

Lo Smart Cities Spatial Information Framework si concentra su diversi temi:

· Le Smart Cities come generatori ad alta densità di innovazione e informazioni

· Le informazioni sull'ubicazione sono un importante fattore di sviluppo tecnologico della Smart City

· I residenti devono essere i giudici dei vantaggi delle tecnologie

· Riutilizzo delle risorse e il riuso è vitale per la resilienza urbana

· Le città hanno bisogno di standard aperti per l'interoperabilità, l'efficienza, l'innovazione e l'efficacia dei costi

Il documento fornisce anche una guida critica su come pianificare e implementare architetture aperte standard spaziali per l'interoperabilità. Si avvale di un approccio architetturale per la definizione dei sistemi di informazione, organizzando le diverse serie di problemi di pianificazione come un insieme di punti di vista gerarchici:

Enterprise Viewpoint include la definizione di una Smart City, gli indicatori per valutare il valore della distribuzione della tecnologia e una serie di componenti per il sistema informativo di una Smart City.

Information Viewpoint delinea le informazioni spaziali e di dati in una Smart City.

Services Viewpoint include interfacce e flussi di lavoro necessari per l'interoperabilità in un'architettura orientata ai servizi.

Deployment Viewpoint identifica approcci per la distribuzione del quadro informativo territoriale in città.

Altri temi trattati sono: standard aperti per la comunicazione della localizzazione via mobile, modelli urbani 3D, la costruzione di modelli di informazione, posizionamento indoor, realtà aumentata e reti di sensori. Il documento fornisce anche ad architetti di sistema Smart City lo spaccato XML e programmazione RESTful, due approcci di programmazione dissimili che sono entrambi rilevanti per la pianificazione delle Smart Cities.

OGC basa questo framework su standard aperti come CityGML, IndoorGML, Moving Features, e Augmented Reality Markup Language 2.0 (ARML 2.0).

L’OGC® costruisce e contribuisce alle attività di altre organizzazioni per lo sviluppo degli standard, istituti di ricerca, fornitori e organizzazioni governative con iniziative per le Smart Cities. La sezione allegato del white paper descrive la partecipazione di OGC in altre attività standard per le Smart Cities.
George Percivall, ingegnere capo e autore del white paper di OGC, è un membro della ISO / IEC JTC 1 / SG 01Smart Cities Study Group e co-editore del rapporto in corso di preparazione da parte del gruppo. L’Ordinance Survey e l'Università di Calgary hanno contribuito alla realizzazione.

OGC® è un consorzio internazionale di oltre 500 aziende, agenzie governative, organizzazioni di ricerca e università che partecipano a un processo di consenso per sviluppare standard geospaziali accessibili al pubblico.

http://www.opengeospatial.org/

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq83q

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

spazio smartphone telespazio copernicus topografia GTER dati geografici topcon rndt big data agricoltura asi energia osservazione della terra uso del suolo smart city sar nuvole di punti gestione emergenze INTERGEO dati catasto europeo tecnologie avanzate rilievo urbanistica digital geography planetek meteorologia trasporti terra e spazio intelligenza artificiale archeologia progettazione top world protezione civile telerilevamento reti tecnologiche mobilita misurazione webGIS in cantiere infrastrutture geoportale servizi storytelling drone Bentley BIM Epsilon Italia ambiente codevintec uav geologia microgeo technologyforall scansione 3D ISPRA geospatial aerofotogrammetria pianificazione cnr faro scienze della terra sentinel open geo data rischio geolocalizzazione oceanografia mobile mapping openstreetmap rilievo 3d dissesto idrogeologico termografia Toponomastica CAD smart mobility apr cantiere app sinergis internet of things autonomous vehicle sensore ict modellazione 3d laser scanner cosmo skymed sicurezza qgis arcgis posizionamento satellitare interferometria formazione asita top osservazione dell'universo mare coste stazione totale monitoraggio GNSS teorema geomatica hexagon terremoti monitoraggio satelitare Stonex open data beni culturali esa ingv GIS fotogrammetria terrelogiche esri eGEOS mappe catasto terremoto utility leica realtà virtuale INSPIRE ricevitori autodesk leica geosystems flytop realta aumentata remote sensing Harris territorio droni lidar tecnologia cartografia satelliti 3D trimble autocad geomax metadati gps geodesia ortofoto 3DTarget FOIF galileo geofisica esri italia open source
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy