itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Orbita corretta

Corretta l'orbita del sesto satellite di GALILEO

Entrato in orbita anche il sesto satellite del sistema di posizionamento GALILEO dopo il piano di recupero attuato dai vari team tecnici dell'ESA.
Lanciato con il quinto satellite lo scorso agosto, la sua orbita allungata inizialmente viaggiava sui 25,900 km in apogeo e 13,713 in perigeo creando alcune complicazioni al sensore di Terra. Successivamente il piano di recupero attuato dal team composto dagli specialisti delle dinamiche del volo dell’ESOC, dagli ingegneri dell’agenzia spaziale francese CNES, dai tecnici della SpaceOpal e dall'operatore dei satelliti ed il loro costruttore OHB, che ha previsto il rialzamento di più di 3500km sul perigeo.

L'operazione di salvataggio è iniziata a metà gennaio, concludendosi nelle seguenti sei settimane, dopo aver eseguito circa 14 manovre di perfezionamento. Queste manovre hanno evitato la sua elevata esposizione alle radiazioni che si può verificare nella fascia di Van Hallen (zona di intensa radiazione situata oltre l'esosfera terrestre) e quindi a rischio di una grossa influenza del campo magnetico del nostro pianeta, con conseguenti problematiche di vario genere.


Alcune informazioni dal Team operativo              

I risultati del test sul satellite numero 5 di GALILEO sono risultati positivi, grazie alle operazioni per il recupero già effettuate su di esso, mentre quelle del sesto satellite, supervisionate dal centro dell'ESA Redu in Belgio, sono avvenute con più facilità. Un antenna con un diametro di 20m studierà la forza e la forma dei segnali di navigazione.

"Sono molto orgoglioso di quello che le nostre squadre, sia quelle dell'ESA e sia quelle dell'industria hanno raggiunto", afferma Marco Falcone, capo dell'ufficio del sistema GALILEO. "La nostra intenzione era quella di recuperare questa missione subito dopo l'errore della messa in orbita del vecchio, prendendone esempio".                        

 

 Joint ESA/CNES mission operations team at ESOC for Galileo launch and early orbit phase. Credit Ruben Solaz <a href= 

Team operativo

 

La decisione di utilizzare i due satelliti per la navigazione di ricerca e salvataggio sarà eventualmente decisa dalla Commissione europea, quale proprietaria del sistema, sulla base dei risultati del test in orbita e della capacità del sistema di fornire i dati di navigazione.

Il prossimo lancio di coppie di satelliti GALILEO è previsto per il 27 marzo. Vi terremo aggiornati.


FONTE: (ESA)

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

terrelogiche rischio open source INTERGEO geologia servizi osservazione dell'universo leica openstreetmap digital geography lidar sar sensore geoportale trasporti intelligenza artificiale tecnologia GIS geofisica remote sensing top asita smart mobility uso del suolo galileo planetek esri italia microgeo catasto europeo scansione 3D qgis esa Here formazione topcon topografia teorema faro GTER geomatica protezione civile mobile mapping osservazione della terra energia webGIS monitoraggio satelitare codevintec satelliti mare cosmo skymed smart city in cantiere ict infrastrutture Harris dissesto idrogeologico ricevitori BIM GNSS cartografia CAD autocad termografia autonomous vehicle laser scanner telerilevamento ingv terremoti sicurezza geolocalizzazione gestione emergenze autodesk aerofotogrammetria tecnologie avanzate monitoraggio eGEOS terremoto pianificazione leica geosystems meteorologia big data cantiere sentinel metadati asi Stonex flytop cnr interferometria arcgis storytelling smartphone terra e spazio esri top world open geo data stazione totale coste dati geografici modellazione 3d mobilita trimble scienze della terra archeologia INSPIRE rilievo beidou misurazione ambiente geodesia Toponomastica realtà virtuale catasto sinergis territorio agricoltura copernicus ISPRA urbanistica hexagon technologyforall spazio beni culturali Epsilon Italia FOIF mappe utility progettazione fotogrammetria rndt apr droni geomax geospatial 3D open data uav nuvole di punti posizionamento satellitare internet of things rilievo 3d dati realta aumentata SIFET app ortofoto gps oceanografia reti tecnologiche Bentley
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps