Dallo spazio alla terra con il telerilevamento di Cerere

Stampa

Sempre nel tema delle ricadute tecnologiche dal telerilevamento spaziale a quello terrestre vi proponiamo questa notizia. Come al solito la partecipazione degli italiani su gran parte degli ambienti scientifici alla quale partecipiamo, non è solo di alto rilievo, ma di fondamentale importanza.

Questa volta l'ASI si trova protagonista con il VIR-MS. Il VIR-MS è uno strumento situato a bordo della sonda spaziale Dawn, attualmente in orbita su Cerere, asteroide che costituisce il 30% della massa della fascia steroidale situata tra Marte e Giove, ormai definito Pianeta Nano.

Il visible and infrared mapping spectrometer è stato finanziato e coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana e costruito da SELEX ES, in collaborazione con l’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali, che lo gestisce qui a Roma. Si tratta di uno spettrometro infrarosso che produce immagini in bande spettrali nelle gamme 0,25-1 micron e 1-5 micron. E' sostanzialmente una ricostruzione del VIRTIS, strumento situato a bordo di Rosetta, la sonda spaziale attualmente in orbita della cometa 67p Churyumov Gerasimenko, e deriva dal design di VIMS Cassini(strumento della sonda spaziale in orbita su Titano). Il design dello strumento realizza pienamente gli obiettivi scientifici e di misura della missione con un semplice approccio qualificato, a basso rischio, e ad alto rendimento nonostante i costi poco elevati.

La collaborazione viene da parte di tutta L'Europa che spesso si trova al centro di operazioni in campo spaziale di alto livello senza che molti di noi se ne rendano conto. Ad esempio le camere ad alta risoluzione sono fornite dal "Max Planck Institute for Solar System Research", a Gottingen, in Germania, con contributi significativi dal "German Aerospace Center (DLR)" dell'Institute of Planetary Research di Berlino, e in collaborazione con l’Institute of Computer and Communication Network Engineering, a Braunschweig, sempre in Germania.

 

Alcune informazioni sulla missione Dawn della NASA

La missione Dawn progettata per Vesta (un altro asteroide di dimensioni ridotte) e Cerere è gestita dal Jet Propulsion Laboratory per lo Science Mission Directorate di Washington della NASA. Dawn è un progetto del Discovery Program, gestito dal Marshall Space Flight Center in Huntsville, Alabama della NASA. La UCLA è il principale responsabile scientifico della missione. Questa "Spacecraft" è stata progettata e costruita dall' Orbital ATK, Inc., di Dulles, in Virginia.  Attualmente, la sonda si trova ad una distanza di circa di 60.976 Km da Cerere (distanza percepibile anche per il cervello umano) e grazie al propulsore ionico (utilizzando il gas Xenon) si avvicinerà nei prossimi giorni sino a 4.400Km. Successivamento compierà altre manovre orbitali portandosi sulla HAMO (High Altitude Mapping Orbit) a 1.470 Km, concludendo con una serie di orbite a spirali scendendo, in due mesi, sino a 375 Km, sull’orbita LAMO (Low Altitude Mapping Orbit).

 

Fonte: (Redazionale)

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche