Harris
3D Target
Il Seaeye Sabertooth Double Hullstato della Saab

Clean Sea: ENI passa all'uso del drone per il monitoraggio di infrastrutture sottomarine

Eni ha messo a punto il programma Clean Sea, che attraverso l'uso di un sistema AUV (Autonomous Underwater Vehicle) permette l'ispezione degli impianti off-shore. L'innovativo drone sottomarino per missioni di monitoraggio ambientale e la ricognizione di impianti offshore è stato realizzato e collaudato nell’ultimo anno.

Eni definisce questo sistema un veicolo autonomo sottomarino (AUV, da Autonomous Underwater Vehicle), ovvero in grado di muoversi autonomamente senza collegamenti fisici con la superficie, nel rispetto dell'ambiente e necessitando di minimo supporto logistico da parte degli operatori in superficie
Gli AUV aprono opportunità d’impiego in scenari dove finora l’impiego dei ROV (Remotely Operated Vehicles) si rivelava difficoltoso. Infatti le difficoltà dei ROV derivano dalla presenza del cavo di collegameto tra la piattaforma di superficie e il veicolo, necessario sia per l'alimentazione elettrica sia per la trasmissione dei dati. Infatti le condizioni del mare, come onde o ghiaccio in superficie, possono porre dei limiti molto forti all'ipiego dei ROV.

Il sistema controllato a distanza di Eni permette operazioni praticamente con ogni tempo, con autonomia massima di 40 miglia (74 km), profondità fino a 3000 metri e velocità relativa di 4 nodi (circa 9 km/h). La potenza è fornita da batterie a lunga autonomia mentre le informazioni provenienti dai sensori e dispositivi installati sono gestiti dal sistema di controllo dell’AUV e non dall’operatore. Il sommergibile a controllo remoto ha una massa di circa 1.500 kg e un sistema di propulsione costituito da sei eliche intubate, con possibilità di movimento a sei gradi di libertà.

Il sistema utilizzato da ENI Clean Sea è un Seaeye Sabertooth Double Hullstato fornito da Saab

Il sistema Clean Sea permette anche il rilievo morfologico del fondale marino prima di ogni attività di progettazione e installazione di impianti subacquei, per ridurre al minimo i rischi.

Il sistema può anche prelevare campioni d’acqua per le analisi di laboratorio; il suo “computer centrale” è in grado di modificare durante la missione l’attività impostata, sulla base dei dati acquisiti. Questo comportamento permette all’AUV di reagire a stimoli che arrivano dall’esterno attraverso i sensori, come il superamento di soglie di misura, il tempo trascorso, o i risultati di analisi dei dati acquisiti. Un’ampia campagna di test condotti in Svezia e Norvegia ha permesso al team di sviluppo di mettere a punto il sistema che è stato poi impiegato con successo nel Mar Caspio e nel Canale di Sicilia.
Clean Sea è stato insignito dell’Eni Award 2014 per l’innovazione tecnologica e del “Premio dei premi per l’innovazione 2014” assegnato dalla Fondazione per l’innovazione tecnologica (Cotec). La scheda tecnica del sistema è consultabile qui http://www.seaeye.com/

(Fonte: Dronitaly)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4yad

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

ortofoto 3D stazione totale sensore droni utility Harris catasto europeo osservazione dell'universo GIS geolocalizzazione esri italia osservazionedella terra pianificazione geomatica intelligenza artificiale termografia teorema digital geography realta aumentata ISPRA territorio reti tecnologiche esri fotogrammetria hexagon open geo data apr archeologia rischio internet of things geospatial GNSS metadati servizi codevintec vidalaser spazio misurazione app openstreetmap cosmo skymed INTERGEO planetek posizionamento satellitare ambiente cartografia ingv coste technologyforall nuvole di punti sar tecnologie avanzate dati geografici monitoraggio satelitare CAD autocad mappe monitoraggio terrelogiche sicurezza energia leica top galileo mobilita geologia drone qgis progettazione copernicus gestione emergenze trimble asita satelliti esa uav scansione 3D meteorologia open data remote sensing uso del suolo scienze della terra lidar realtà virtuale geoportale Digital Twins slam BIM catasto rilievo 3d geofisica telerilevamento dati geospaziali microgeo trasporti osservazione della terra Toponomastica FOIF terremoto infrastrutture smart mobility dati 3DTarget Stonex in cantiere aerofotogrammetria dissesto idrogeologico open source geomax topografia big data faro ricevitori autodesk ict laser scanner asi protezione civile topcon mobile mapping GTER informazione geografica terra e spazio cantiere leica geosystems oceanografia cnr gps storytelling webGIS INSPIRE sinergis rilievo beni culturali arcgis smartphone tecnologia mare flytop smart city urbanistica sentinel modellazione 3d Epsilon Italia formazione agricoltura rndt interferometria geodesia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy