maltempo sull'Italia

Passiamo subito dall'emergenza alla prevenzione: questo chiedono imprenditori, professionisti e ambientalisti

Stampa

La petizione on line promossa da ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, CNG (Consiglio Nazionale dei Geologi) e Legambiente, è arrivata a Palazzo Chigi ed è stata consegnata a Graziano Delrio, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ed a Erasmo D'angelis, Capo struttura di missione contro il dissesto idrogeologico.
L'Italia è continuamente interessata da eventi meteo di particolare intensità ma non investe risorse nella manutenzione del territorio con lo scopo di prevenzione. Si spende ogni anno più di un miliardo per i riparare i danni e poco più di 100 milioni di euro per prevenirli.
Con la petizione si chiede di far partire entro l'estate un piano unico nazionale di manutenzione e prevenzione, di liberare tutte le risorse già stanziate che Stato ed enti locali non sono riusciti a spendere a causa dei vincoli del Patto di stabilità e reperirne di nuove attraverso i Fondi strutturali, di garantire a livello nazionale un controllo sulla qualità dei progetti e degli interventi ispirati a un modello di sostenibilità ambientale ed economica, efficacia, trasparenza delle regole e delle procedure.

Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, evidenzia inoltre che in Italia si continua a far perdere ai terreni la capacità di ritenzione idrica. I risultati oggi sono evidenti con città ed intere regioni allagate. Nel Paese, il territorio sottratto all'agricoltura è aumentato del 166%.
Oltre alle azioni dirette alla manutenzione del territorio, auspichiamo anche sistemi in grado di supportare le necessità informative per mettere in sicurezza il territorio e prevenire i disastri. Consumo del suolo, analisi dei rischi naturali, monitoraggio satellitare, sono alcuni strumenti necessari per una attenta pianificazione degli interventi e per la scelta delle priorità di azione.

Per saperne di più


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI