itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Mercoledì, 20 Novembre 2013 09:30

Una analisi storica dei danni idrogeologici dal CNR

Redazione GEOmedia

 Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica del Consiglio Nazionale delle Ricerche

L'Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica (Irpi) del Cnr, da oltre vent’anni, prima nell’ambito delle attività di ricerca condotte dal Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche (GNDCI), del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), e successivamente nell’ambito di attività di ricerca e sviluppo tecnologico svolta per il Dipartimento nazionale della Protezione Civile, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, raccoglie, organizze e analizza informazioni sull’impatto che eventi di frana e d’inondazione hanno sulla popolazione.

Aeronike

Dall’anno 843 al 2012, ha catalogato informazioni di 1676 eventi di frana che hanno causato almeno 17.500 vittime, numero che comprende le morti, i dispersi e i feriti, avvenuti in 1450 diverse località. Per quanto riguarda gli eventi di inondazione dall’anno 589 al 2012, si hanno notizie di 1346 eventi che hanno causato almeno 42.000 vittime in 1040 diverse località.

Negli ultimi 50 anni trascorsi dal 1963 al 2012 tutte le regioni italiane hanno subito eventi per i quali si sono registrate vittime. Più in particolare le frane avvenute hanno prodotto 5.192 vittime (3.302 morti, 17 dispersi, 1.873 feriti), e nello stesso periodo ci sono le inondazioni hanno prodotto 1.563 vittime (692 morti, 66 dispersi, 805 feriti). Nello stesso periodo la regione Sardegna ha registrato 42 vittime (somma dei morti, dispersi feriti) per frana e 50 per inondazione.

Le informazioni contenute nel catalogo storico degli eventi di frana e di inondazione con danni alla popolazione sono state utilizzate per definire i livelli di rischio individuale, da frana e da inondazione, cui è soggetta la popolazione italiana, e a studiare come il rischio geo-idrologico sia cambiato geograficamente e temporalmente.

Il rischio individuale è il rischio cui è soggetto un singolo individuo in una popolazione ed è misurato dal tasso di mortalità, il numero di morti ogni 100.000 persone, calcolato in base annua. Fra il 1963 e il 2012 il tasso di mortalità medio per frana in Italia è stato di 0,12 ovvero ogni anno 12 persone ogni 10 milioni di abitanti sono morte a causa delle frane, mentre il tasso di mortalità medio per inondazione è stato di 0,03, ovvero ogni anno 3 persone ogni 10 milioni di italiani sono morti a causa di eventi di inondazione.

Il valore della mortalità per frana è stato condizionato, in questo periodo, dall’occorrenza di due eventi particolarmente catastrofici ed entrambi collegati alla presenza di strutture antropiche. Il primo è l’evento del Vajont del 9 ottobre 1963, che provocò almeno 1.917 fra morti e dispersi. Il secondo è l’evento di Stava del 19 luglio 1985, che causò 268 vittime.

Tra il 1963 ed il 2012 i tassi medi di mortalità (ovvero i morti ogni 100.000 persone) sono di seguito riportati:

mortalità media nazionale per frana                                        0,125

mortalità media per frana per la regione Sardegna                   0,0227

mortalità media nazionale per inondazione                             0,03

mortalità media per inondazione per la Sardegna                    0,045

Si nota che il valore della mortalità media per inondazione calcolato per la regione Sardegna, nel periodo 1963 – 2012, risulta essere più alto della media nazionale calcolata per lo stesso periodo.

(L’alto valore della mortalità per frana si a livello regionale, sia a scala nazionale è in gran parte dovuta alla frana del Vajont (9/10/1963) che da sola ha causato più di 1900 morti).


I DATI:

I dati della tabella sono riferiti agli ultimi 50 anni (01/01/1963-31/12/2012) e sono divisi in morti, feriti e dispersi. Nelle due pagine seguenti si elencano i dati per regione, divisi per frana e per inondazione.

1963-2012

Per Frana

Per Inondazione

Per frana e/o inondazione

Morti

 3302

692

 3994

Dispersi

 17

 66

 83

Feriti

 1873

805

 2648

Sfollati e senzatetto

154.205

267.022

421.227

ANNO 2013

DATI ANNO IN CORSO ESCLUSO L’EVENTO ATTUALE IN SARDEGNA:

Morti per frana: 1

Feriti per frana: 42 (di cui 23 causa deragliamento treno in Umbria)

Morti per inondazione: 9

Feriti per inondazione: 0

Le regioni interessate sono state 12, in particolare:

1) Basilicata (1 morto in un evento di inondazione)

2) Calabria (2 feriti in due eventi di frana)

3) Campania (5 feriti in tre eventi di frana)

4) Lazio (2 feriti in un evento di frana)

5) Liguria (1 ferito in un evento di frana)

6) Lombardia (1 morto in un evento di frana)

7) Puglia (4 morti in due eventi di inondazione)

8) Sardegna (1 ferito in un evento di frana)

9) Sicilia (1 morto in un evento di inondazione, 1 ferito in un evento di frana)

10) Toscana (2 morti in un evento di inondazione, 2 feriti in due eventi di frana)

11) Umbria (23 feriti in un evento di frana)

12) Veneto (1 morto in un evento di inondazione, 2 feriti in due eventi di frana)

(Fonte Irpi - Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Cnr)

 

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.rivistageomedia.it/9fk6

 

 


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA ISTAT landsat laser scanner leica lidar magalopoli MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps