itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Mercoledì, 20 Novembre 2013 14:45

Riscaldamento globale: 2 gradi in più nei prossimi 20 anni secondo il progetto IMPACT2C

Alfonso Quaglione

earth
Lo scorso 18 novembre è stato presentato a Roma dall'ENEA il progetto europeo IMPACT2C sull'impatto del riscaldamento globale.
Nel corso della presentazione i ricercatori ENEA che sono impegnati nelle ricerche e studi climatici, hanno rappresentato la situazione attuale in merito al tema dell'impatto dei cambiamenti climatici in Europa e alla problema del riscaldamento globale.

Aeronike

Nel corso della presentazione Paolo Ruti, responsabile del Laboratorio di Modellistica Climatica e Impatti dell’ENEA, ha dichiarato che dagli studi emerge una previsione di aumento di 2 gradi della temperatura terrestre previsto tra il 2030 e il 2050 a livello mondiale, questo aumento potrebbe essere maggiore in Europa.

“L’impatto sarà diverso tra Nord e Sud dell’Europa: avremo dei periodi di siccità più forti e intensi in estate nella fascia mediterranea, mentre assisteremo a un aumento delle precipitazioni in inverno in Scandinavia e nelle isole britanniche”, prosegue Ruti.
Anche l’impatto delle emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera sarà diverso tra Sud e Nord Europa. “La CO2 è anche un fertilizzante, dunque nel Nord Europa alcune produzioni agricole saranno paradossalmente favorite, mentre il Sud avrà dei problemi con le coltivazioni estive per l’aumento dei giorni di siccità e per le temperature elevate. In Italia, la produzione agricola ne risentirà soprattutto per l’aspetto qualitativo”, sottolinea Ruti.
“Obiettivo del progetto IMPACT2C è dare informazioni utili a chi deve pianificare e gestire il territorio. L’Europa dovrebbe creare una lista di priorità sulla base dei problemi che conosciamo e che dovremo affrontare nei prossimi anni. Nel progettare nuove infrastrutture, dobbiamo iniziare a pensare ai problemi climatici. A Londra, ad esempio, esiste il rischio dell’aumento degli eventi estremi e dell’innalzamento delle acque. Se da una parte è vero che non vi sono risorse economiche per realizzare specifiche strutture che contrastino questi fenomeni, come ad esempio barriere lungo la costa, è anche vero che è d’obbligo iniziare a pensare a questi problemi nel momento in cui si andrà a progettare l’urbanistica della città”, dichiara Paul Watkiss, consulente della Commissione europea e di altri organismi nazionali per la valutazione dei costi connessi con i cambiamenti climatici.
“Dalla COP19 ci attendiamo che la politica sia più attenta agli investimenti nell’ambito dell’adattamento al cambiamento climatico. Auspichiamo che a livello europeo vengano approvate norme che favoriscano la creazione di tecnologie utili ad arginare gli effetti dei fenomeni causati dal cambiamento climatico. Quelli che a prima vista appaiono come costi sono spesso investimenti con ampie ricadute economiche e occupazionali. Ci sono alcuni esempi interessanti: dopo l’ondata di calore del 2003, ad esempio in Francia sono state costruite nuove stazioni ferroviarie che riducono i disagi durante le giornate più calde”, aggiunge Ruti
“Tra gli obiettivi del progetto IMPACT2C rientra anche l’individuazione delle aree europee impreparate al cambiamento climatico, perché finora non hanno mai dovuto fronteggiare eventi climatici estremi, come ad esempio in Germania la regione a nord di Berlino”, dichiara Daniela Jacob, coordinatrice del progetto IMPACT2C, vicedirettrice del Climate Service Centre di Amburgo e co-autrice del 5° Rapporto di Valutazione dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).
Nel corso della presentazione di IMPACT2C sono stati analizzati anche i fenomeni climatici estremi, come il tifone che ha colpito di recente le Filippine. “Difficile stabilire una correlazione certa tra i cambiamenti climatici e lo scatenarsi di tifoni come quello che si è abbattuto sulle Filippine. Non esistono parametri certi per correlare questo fenomeno al cambiamento climatico. Ciò che è certo, però, è che tali fenomeni evidenziano un’estrema vulnerabilità della nostra società”, ha dichiarato Robert Vautard, ricercatore del Centre national de la recherche scientifique (CNRS) ed esperto delle relazioni fra clima e qualità dell'aria.

(Fonte: ENEA)

 

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.rivistageomedia.it/9fk8

 


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago landsat laser scanner leica lidar magalopoli MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps