NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
3D Target
Venerdì, 13 Settembre 2013 12:55

Opinioni sulla nuova altezza del Monte McKinley

Renzo Carlucci

ned denali_ifsar1

Sono ultimamente comparsi alcuni articoli sui giornali quotidiani che parlano della variazione dell’altezza del Monte McKinley in Alaska, che rappresenta la vetta più alta degli Stati Uniti, attribuendo tale variazione anche alle variazioni climatiche.  Per fare un minimo di chiarezza sulla questione è necessario far presente che sia le variazioni tecnologiche dei sistemi di misura, che la migliore conoscenza del geoide attuale potrebbero aver contribuito a tale variazione, elementi sui quali comunque si sta riflettendo. Per far chiarezza abbiamo preso visione di quanto riferito dall’USGS.

VidaLaser
Aeronike

Una copertura interferometrica SAR (IFSAR) è stata recentemente acquisita per grandi porzioni dello Stato dell'Alaska. In questa rientra la copertura della zona di Denali / Mount McKinley, la vetta più alta, sia negli Stati Uniti che nel Nord America. L'attuale elevazione rilevata di questo picco è 20.320 piedi o 6.194 metri. Questa elevazione è stata pubblicata nel 1952, ed è stata determinata utilizzando la fotogrammetria.

I dati IFSAR raccolti in questa zona hanno registrato un innalzamento massimo diverso dalla misurazione pubblicata. Con il volo effettuato nel 2010, il Digital Elevation Model (DEM) derivato pone la massima elevazione della zona di Denali / Mt. McKinley a 20.237 piedi o 6.168 metri. Ci sono diverse possibilità per la causa di questa differenza di elevazione. In primo luogo, i diversi metodi di compilazione del modello digitale del terreno, quindi le possibili interpolazioni all’interno dei punti effettivamente rilevati, possono influenzare la misura dell’elevazione del vertice. In secondo luogo, le differenze temporali nella collezione dei dati (1952 e 2010) possono contribuire alla differenza di quota. Altri cambiamenti come differenze climatiche, i progressi nella tecnologia, ecc. può anche essere che contribuiscano alla differenza di quota. 

Comunque sebbene il DEM prodotto dai dati grezzi IFSAR mostra un calo significativo in elevazione dal rilievo del 1952, l’USGS non prende posizione in favore dell'una o dell’altra misura di quota.

Sinceramente aggiungerei che, poiché anche se fatta nel 1952 la misura aerofotogrammetrica è una misura puntuale riferita ad un particolare visibile del terreno (la vetta appunto), la misura da un DEM, anche se IFSAR, è comunque derivata da una interpolazione e non è detto che la vetta cada su uno dei vertici rilevati della maglia, anzi ha buone probabilità di trovarsi come picco isolato nel mezzo di un grid interpolato.

I dati DEM per la zona in oggetto di Denali / Mount McKinley sono scaricabili nel NED (National Elevation Data) a 1/3 di secondo d'arco, 1 secondo d'arco, e 2 secondi d'arco. 

(Fonte USGS)

 

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.rivistageomedia.it/kwqkf

 


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia Artificial Intelligence asi asita autocad autodesk beidou beni culturali Bentley Bentley Systems big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cloud cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS energia Epsilon Italia esa esri esri italia faro flyr FOIF fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geoportale geospatial GIS GNSS gps Harris HBIM Here hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE intelligenza artificiale interferometria INTERGEO internet of things ISPRA ISTAT landsat laser scanner leica geosystems lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia OGC open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile QGIS realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis slam smart city smart mobility smartphone social media spazio Stonex storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoto territorio top topcon topografia Toponomastica top story trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo