NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Domenica, 26 Maggio 2013 12:35

Il binomio gis+internet per l'informazione ai cittadini nelle emergenze

Renzo Carlucci

sala operativaweb

Ultimamente molte catastrofi naturali ci hanno ricordato quanto siano labili le nostre difese e quanto l’imprevedibilità degli eventi pesi sulla dimensione e sulla gravità dell’impatto. Molto si può fare nella prevenzione  ma anche la fase successiva all’evento è quella su cui oggi abbiamo più possibilità di agire nel senso che maggiori sono le informazioni e la velocità di intervento e maggiori sono le possibilità di poter salvare vite umane.

Aeronike
VidaLaser

La ricerca in questo settore è diretta all’uso dell’immagine satellitare e dell’informazione geografica rapida,  puntuale e distribuita. Si sta superando il vecchio concetto di organizzazione degli interventi su basi cartografiche scambiate tra i pochi organi addetti e ci sia avvia ad una informazione aggiornata e scambiata in tempo reale disponibile non più solo alle squadre di intervento ma alla globalità dei cittadini.

Il binomio gis+internet è diventato il vero mezzo di gestione delle informazioni sulle emergenze e sulle catastrofi naturali.

L’attività del Google Crisis Response team ne è un esempio evidente che ci mostra come tutto quello che in molti anni è stato faticosamente realizzato con investimenti pubblici->privati siano stati semplicemente “superati” da un sistema ad accesso libero e disponibile a tutti quale appunto quello creato da Google.

Nell'ultima emergenza dovuta al tornado di classe EF5 in Oklaoma la mappa di crisi realizzata da Google e DigitalGlobe raggiunge i 15 cm di risoluzione.

Google Public Alerts (http://google.org/publicalerts) si basa proprio sul fatto che durante una crisi le persone vanno su internet a cercare informazioni. Google ha realizzato una piattaforma apposita per la disseminazione di avvisi rilevanti alle popolazioni che si rendono automaticamente disponibili nelle ricerca semplice, mappe e now di Google. Ha messo a disposizione un Common Alerting Protocol (CAP 1.2 http://docs.oasis-open.org/emergency/cap/v1.2/CAP-v1.2-os.html) per il rapido interscambio di informazioni anche provenienti ovviamente dai social network come Twitter.

E’ stato attivato un Google Person Finder (http://www.google.org/personfinder) in quanto è noto che a seguito di una crisi gli annunci di ricerca delle persone scomparse si diffondono velocemente via internet. Una piattaforma open a disposizione di individui e di organizzazioni.

Dalla parte degli enti pubblici ed organizzazioni devolute a questa attività troviamo invece sistemi elefantiaci che richiedono enormi risorse sia in termini di persone che di strumentazioni per la loro stessa sussistenza. Un esempio è il sistema GIO EMERGENCY RUSH, che promette nel suo motto un “rapido accesso alle informazioni sulle emergenze

Dal sito web di e-Geos (http://www.e-geos.it/news/12-12-20-copernicus/index.html) apprendiamo quanto segue:

“Il Portale GIO EMERGENCY RUSH, gestito da e-GEOS (Telespazio/ASI), è ora un servizio operativo accessibile via web con lo scopo di informare i cittadini europei sui prodotti e le mappe prodotte fino a oggi per il servizio di emergenza del programma europeo di Osservazione della Terra Copernicus (ex GMES).

Il portale è stato concepito nel quadro del contratto Copernicus Emergency Management Service (EMS) in modalità “Rush”, un servizio della Commissione Europea volta a fornire prodotti di “rapid mapping” alle autorità di protezione civile e alle agenzie preposte agli aiuti umanitari in caso di catastrofi naturali. Il servizio è fornito sotto la supervisione del Joint Research Centre della Commissione Europea.

Negli ultimi mesi del 2012, sono state richieste all’e-GEOS Emergency Management Service oltre venti attivazioni, che hanno prodotto 130 mappe per le regioni che vanno dall'Europa al Nord Africa fino all’Asia, coprendo  una superficie di circa 40 mila chilometri quadrati

Consultando il portale GIO EMERGENCY RUSH è possibile ottenere informazioni rapide e precise sui servizi e i prodotti forniti da e-GEOS, comprese le mappe in alte risoluzione. Il portale contiene anche un forum che permette agli utenti autorizzati di interagire scambiando opinioni e commenti. http://portal.ems-gmes.eu/

Basta andare sul sito citato per rendersi conto di quanto sia “un servizio operativo accessibile via web con lo scopo di informare i cittadini europei sui prodotti e le mappe prodotte fino a oggi per il servizio di emergenza”

GMESemergency

 

In alto a destra i buttons di accesso sono due: Rush mode connection: authorized users only oppure Non-rush mode access: authorized users only

(Fonte Google e e-Geos)

 


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

Geospatial World Forum 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Clima: SM2RAIN-CCI un nuovo dataset globale di precipitazioni a lungo termine

    Luca Brocca 08.07.2018 08:02
    Aggiornamento
    Abbiamo appena aggiornato il dataset. Qui trovate la nuova versione https://zenodo.org/record/1305021 ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo