itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Mercoledì, 13 Febbraio 2013 09:29

Conferenza per una politica industriale delle attività spaziali ieri a Roma.

Redazione mediaGEO

Conferenza Spazio PD

Durante la Conferenza organizzata dal PD ieri 12 febbario 2013 sul tema della politica industriale dello spazio è risultata chiara la mancanza di decisioni chiare su chi "governa" lo Spazio in Italia. Molte le voci che chiedono una revisione della struttura attuale di gestione riportate da Walter Tocci, membro della Commissione Cultura alla Camera, che ha dichiarato che "per ridare un futuro allo spazio in Italia occorre dotarsi di uno strumento di governo adeguato, che deve afferire alla Presidenza del Consiglio".

Aeronike

E' intervenuto il Ministro della Ricerca Francesco Profumo che ha portato una chiara visione della frammentazione attuale sul nostro sistema Spazio indicando i "cluster" come elementi per il risanamento di questa situazione ma prima di tutto dobbiamo "essere bravi per il recupero della nostra competitività" ricordandoci che "noi oggi siamo al 26° posto su 27 paesi EU in termnini di qualità di spesa". Ci ha anche ricordato quanto gli investimenti nella ricerca vadano completamente perduti nella situazione attuale italiana e quanto in tutte le situazioni europee siamo perdenti in termini di progetti di ricerca finanziati dalla EU ed in ultimo anche la naturale tendenza degli italiani a non comprendere le scadenze arrivando sempre all'ultimo momento, quindi in ritardo rispetto agli altri. Ha raccomandato quindi a tutti di tenersi pronti alla grande sfida a venire dell'8° Programma Quadro della ricerca europea 2014 - 2020 Horizon 2020 dove dovremo cimentarci in una competizione vera

Tra gli altri interventi che hanno visto rappresentanti della grande industria come Telespazio e le piccole imprese si è avuto anche l'intevento dell'Agenzia Spaziale Italiana rappresentata da molti dei suoi membri tra cui Caterina Matarazzi e Simonetta Di Pippo. Il Presidente Saggese ha ricordato che chi contribuisce maggiormente alle risorse spaziali si può candidare per le grandi attività: di ricerca a servizio di scienziati e università ma anche per creare l'infrastruttura del nostro paese, nel caso dell'Osservazione della Terra realizzando il sistema Cosmo Sky Med, nel caso delle comunicazioni con il tentativo di avviare nostre infrastrutture. In ultimo il sistema Galileo per avere un ruolo importante nello sfruttamento del sistema e sui servizi ad esso connessi. Ha parlato dei successi dei Centri di Ricerca collegati come il CIRA. Ha anche anticipato che la costellazione di seconda generazione Cosmo Sky Med sarà finanziata nei primi 6 mesi con fondi della Difesa e nei sei sucessivi dovrebbe essere l'ASI ad intervenire.

Subito dopo il ministro Profumo è intervenuto a rappresentare le PMI italiane del settore dello Spazio Giovanni Sylos Labini, presidente AIPAS (Associazione Italiana PMI per l'Aerospazio), che ha rilevato subito che "i tagli iniziano dalle PMI" e rivolgendosi agli interlocutori ha individuato la problematica dell'utilizzo non strategico delle PMI e la difficoltà di realizzazione dei cluster, ottima idea per il settore Spazio, ma di difficile configurazione come quella attuale ricordata dal ministro Profumo.

Una sala affollata con qualche centinaio di persone ha confermato il grande interesse nella politica spaziale italiana che non dovrebbe essere più affidata alla gestione del solo MIUR. Da tutti toccato il grave problema della mancanza di formazione adeguata nel settore che dovrebbe essere il primo gradino per il necessario risanamento.

Da tutti toccato il grave problema della mancanza di formazione adeguata nel settore che dovrebbe essere il primo gradino per il necessario risanamento. Ma anche il problema dei feedback alla ricerca per cercare di andare nella direzione del ministro Profumo e cercare di recuperare gli investimenti effettuati.Che fine fanno i progetti di ricerca? Perchè non ne viene data notizia allo scopo di incrementare il ritorno degli investimenti? Perche' non viene documentata la parte di "outreach"? Se i soldi che si spendono per la ricerca e le PMI sono pochi, almeno documentiamo dove vanno per abilitare anche sinergie e proseguimenti e prima di tutto sovrapposizioni che rendono di fatto il sistema ricerca spaziale inefficace in Italia. Molte delle nostre idee finiscono sui tavoli dell'Europa, ma non siamo poi noi, purtroppo, a beneficiarne. 


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA ISTAT landsat laser scanner leica lidar magalopoli MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps