itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Mercoledì, 16 Gennaio 2013 06:46

Landsat continua la più lunga serie di acquisizione di dati telerilevati.

Redazione mediaGEO

OLI logo

L'ottavo satellite della serie Landsat, si appresta ad essere lanciato l'11 febbraio dalla base aerea di Vandenberg in California. LDCM (Landsat Data Continuity Mission) è una missione congiunta NASA e US Geological Survey (USGS), ed è la continuazione della più lunga registrazione continua di dati della superficie della Terra, vista dallo Spazio.La missione LDCM estenderà a più di 40 anni le osservazioni terrestri globali fondamentali in molti settori, come la gestione dell'energia e dell'acqua, il monitoraggio delle foreste, la salute umana e l'ambiente, l'urbanistica, il disaster recovery e l'agricoltura.

VidaLaser
Aeronike

Per decenni, Landsat ha svolto un ruolo importante nella missione della NASA per far progredire le Scienze della Terra. LDCM promette di estendere ed espandere tale capacità, ha detto Michael Freilich, direttore della divisione di Scienze della Terra presso la direzione Science Mission della NASA a Washington. La politica USGS di offrire accesso libero e gratuito al record Landsat esteso a 40 anni di dati continuerà a dare agli Stati Uniti e alla comunità di ricerca globale strumenti per una migliore comprensione dei cambiamenti che si verificano sul nostro pianeta, ha aggiunto.

Dopo il lancio, LDCM entrerà in un'orbita polare, girando intorno alla Terra circa 14 volte al giorno da una quota di 705 chilometri, ritornando su ogni posizione sulla Terra ogni 16 giorni. Dopo il lancio e la fase iniziale di test, l'USGS assumerà il controllo operativo del satellite, e LDCM verrà rinominato Landsat 8. I dati verranno scaricati da tre stazioni di terra: in Gilmore Creek, Alaska, Svalbard, in Norvegia, e Sioux Falls, South Dakota. I dati saranno archiviati e distribuiti senza alcun costo per gli utenti.

Il programma Landsat fornisce dati imparziali sulla Terra e sulle sue risorse naturali, ha commentato Matteo Larsen, direttore associato USGS per il clima e cambiamenti di uso del suolo a Reston, Virginia. La gestione forestale, ad esempio, utilizza le immagini Landsat ricorrenti per monitorare lo stato delle foreste in tempo quasi reale. Approcci Landsat  anche ora vengono utilizzati nella maggior parte degli stati occidentali per l'analisi di costo-efficacia nell'assegnazione di acqua per l'irrigazione. Questa missione continuerà quel ruolo fondamentale, ha detto.

LDCM trasporta due strumenti, l'Operational Terra Imager (OLI), costruita da Ball Aerospace & Technologies a Boulder, Colorado, e il sensore termico a infrarossi (TIRS), costruito dalla NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland. Questi strumenti sono progettati per migliorare le prestazioni e l'affidabilità dei sensori Landsat precedenti. OLI e TIRS impiegano progressi tecnologici che renderanno le osservazioni più sensibili alla variazione attraverso il paesaggio e ai cambiamenti della superficie terrestre nel corso del tempo.

OLI continuerà attualmente le osservazioni fatte da Landsat 7 nel visibile, vicino infrarosso, e porzioni di onde corte infrarosse dello spettro elettromagnetico. Effettuerà misurazioni in due nuove bande, una per osservare cirri ad alta quota e l'altra per osservare la qualità delle acque di laghi poco profondi e oceani costieri così come per l'aerosol. Il nuovo design OLI ha meno parti in movimento rispetto alle versioni precedenti.

TIRS raccoglierà dati sul calore emesso dalla superficie terrestre in due bande termiche, in contrasto con la singola banda termica presente sui satelliti Landsat precedenti. Le osservazioni nelle bande termiche sono di vitale importanza per il monitoraggio dei consumi di acqua, in particolare nelle zone aride degli Stati Uniti occidentali.

(Fonte GIM International - Immagine Credits NASA)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr FOIF formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps