itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Martedì, 18 Dicembre 2012 06:17

Posizionata la traccia dell'antico equatore della Terra

Redazione mediaGEO

equatoreordoviciano
I ricercatori della Western University in Ontario (USA) hanno scoperto dove l'equatore era "situato precisamente" 450 milioni di anni fa, il che è un importante passo avanti per i paleontologi e gli scienziati planetari, così come pure per le aziende pubbliche e private di risorse minerali. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Geology e sono state evidenziate nella sezione Today's Editor Choice di Science del 17 dicembre scorso.

VidaLaser
Aeronike

Jisuo Jin e Phil McCausland del Dipartimento di Scienze della Terra della Western hanno guidato un team internazionale di ricerca che ha tracciato una successione di 6.000 chilometri di fossili che ha dimostrato che l'equatore Ordoviciano attraversava la Groenlandia del Nord, il Manitoba (Canada), lo Utah e il Nevada. Il periodo Ordoviciano geologico, il secondo più antico dei sei del Paleozoico, è iniziato 488.300 mila anni fa, dopo il periodo Cambriano, e si è concluso 443.700 mila anni fa.

"Se si considerano le regioni polari magnetiche, quelle regioni sarebbero state situate in un posto ben diverso 450.000 mila anni fa, e l'Equatore, di conseguenza, era situato in un posto ben diverso anche lui" spiega Jin. "l'America del Nord ha ruotato di circa 90 gradi dopo l'Ordoviciano. Quello che  è oggi Nord sarebbe stato Est". "Poiché non ci sono uragani, non vi è alcun disturbo grave in mare a profondità moderata e il sedimento rimane costante per milioni di anni", dice Jin. "Tracciando fossili e reperti fossili, siamo stati in grado di individuare la posizione precisa dell'equatore Ordoviciano."
Secondo Jin, la localizzazione delle latitudini del passato è fondamentale per capire tutto ciò che è accaduto storicamente alla Terra, dal punto di vista geologico. "Se si vogliono prevedere le occorrenze di qualsiasi cosa, da giacimenti di carbone a barriere coralline, è necessario conoscere la latitudine", dice Jin. "Con un preciso orientamento e mappatura della Terra antica, avremo un buon punto di partenza per esplorare e comprendere meglio la storia evolutiva del pianeta, così come la distribuzione delle sue varie risorse naturali."

Jin dice che si tratta di una scoperta importante per gli scienziati, ma anche per il mondo industriale minerario che potrà trovare questa scoperta vantaggiosa. "Se si riesce a trovare l'equatore antico, è possibile mappare tutte le latitudini e quindi è possibile prevedere che tipo di minerali, rocce, o risorse di petrolio esistono e dove si trovano", spiega Jin. "Per esempio, la famosa pietra di Tyndall, utilizzata per così tanti edifici pubblici in Canada si trova solo lungo la posizione dell'equatore antico di circa 450 milioni di anni fa." Jin dice un fattore più importante per la scoperta è stato il fatto che oggi non ci sono uragani a meno di 10 gradi di latitudine dell'equatore. Questa zona franca per gli uragani può potenzialmente essere riconosciuta nella documentazione fossile di depositi marini indisturbati. McCausland aggiunge che un'altra dinamica determinante è il fatto che l'antica geografia Ordoviciana si basa su indicazioni permanenti di bussola magnetica registrati nelle rocce di quel periodo. "Questi direzioni paleomagnetiche congelate dell'epoca ci danno una buona stima di dove erano situate le regioni polari antiche, ma solo se il campo magnetico della Terra si comportava come fa ora. Come una sorta di magnete gigante"

Ulteriori informazioni:
Per una mappa scaricabile, si può visitare il sito:
communications.uwo.ca/comms/pdf/jin_map.pdf.

(Fonte University of Western Ontario e Phys.org)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr FOIF formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps