itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Sabato, 22 Settembre 2012 13:29

ESA - Immagine della settimana: Mar Nero (21 Settembre 2012)

Redazione mediaGEO

Blacksea thumb

L' immagine satellitare che proponiamo questa settimana ai nostri lettori è stata acquisita dal satellite SPOT-5 e mostra la costa meridionale dell' Ucraina che si affaccia  sul Mar Nero.

Aeronike

(folder scaricala in alta risoluzione)

Il paesaggio è dominato dal mosaico cromatico verde e giallo dovuto alle colture agricole ed al contempo si possono osservare, lungo porzioni di costa, pennacchi di colore blu dovuti a  sedimenti ed alla presenza di  fitoplankton.

Il Mar Nero, su cui si affacciano gli stati di Romania, Bulgaria, Turchia, Russia, Georgia ed Ucraina, è quasi completamente isolato dal resto del sistema oceanico mondiale e raggiunge una profondità di circa 2000 mt. Gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli formano  il collegamento del Mar Nero con il Mar Mediterraneo.

L' unicità del Mar Nero è dovuta al fatto che si tratta di un sistema che presenta sostanzialmente due strati sovrapposti di acqua, che si differenziano nella densità, a sua volta dovuta al diverso grado di salinità.

In particolare, lo strato più alto è quello che presenta più bassa salinità e quindi si dispone sopra lo strato di acqua più salata e più densa, più profondo,  che proviene dal Mar Mediterraneo.

Lo strato più alto risulta ossigenato e quindi brulica di vita, mentre lo strato più profondo è considerato "morto" da questo punto di vista. Con sostanziale assenza di ossigeno sotto i 200 mt di profondità, il Mar Nero è il più grande bacino anossico naturale al mondo.

A partire dagli anni  ' 60 l' ecosistema del Mar Nero è stato profondamente modificato a causa di diversi fattori, tra cui in particolare l 'inquinamento: questa circostanza sta seriamente minacciando la biodiversità, la fauna ittica ed in generale le attività marinare.

I satelliti per l' Osservazione della Terra possono essere di grande aiuto nella individuazione delle sorgenti di inquinamento - come ad esempio le fuoriuscite di petrolio -  e possono essere molto efficaci nella previsione della direzione degli inquinanti, attraverso il monitoraggio delle onde e dei venti.

Questa immagine di SPOT-5 è stata acquisita in data 1°  Maggio 2011.

Il satellite SPOT-5 è supportato dall' ESA come Missione Terze Parti, accordo in base al quale l' ESA utilizza le sue competenze ed infrastrutture di terra multimissione in Europa per acquisire, processare e distribuire i dati provenienti dal satellite alla sua vasta comunità di utenti nel mondo.

SPOT-5  è stato costruito dall' Agenzia Spaziale Francese (CNES) e le sue immagini sono commercialmente distribuite da Spot Image.



---



Black Sea

The southern Ukrainian coast along the Black Sea was captured in this image from the SPOT-5 satellite (folder download it in Hi-Res).

The green and yellow patchwork of agricultural dominates the land, while blue swirls of sediment and phytoplankton are present along parts of the coast.

The Black Sea, bordered by Romania, Bulgaria, Turkey, Russia, Georgia and Ukraine, is almost cut off completely from the rest of the world’s other oceans, yet it reaches depths of over 2000 m. The straits of Bosporus and Dardanelle connect the Black Sea to the Mediterranean Sea.

The Black Sea is unique because it has two layers of water due to the differences in density caused by differences in salinity.

The upper layer is less salty and floats over the heavier, saltier water that comes in from the Mediterranean Sea.

The oxygenated upper layer is teeming with life, whereas the lower layer is considered ‘dead’. With no oxygen below 200 m, it is the largest natural anoxic basin in the world.

Pollution inputs and other factors have radically changed Black Sea ecosystems since the 1960s, seriously threatening biodiversity, fishing and marine activities.

Earth-observing satellites can help identify sources of pollution, such as oil spills, and can even anticipate where pollution will drift by monitoring wave and wind direction.

This SPOT-5 image was acquired on 1 May 2011.

The satellite is supported by ESA as a Third Party Mission, which means ESA uses its multimission European ground infrastructure and expertise to acquire, process and distribute data from the satellite to its wide user community.

SPOT-5 was built by France’s space agency, CNES, and its imagery is distributed commercially by Spot Image.

 

(ESA - Image of the week: "Black Sea". Traduzione: Gianluca Pititto)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago landsat laser scanner leica lidar magalopoli MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps