itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Sabato, 08 Settembre 2012 01:16

ESA - Immagine della settimana: Terreni Agricoli di Chernozem (07 Settembre 2012)

Redazione mediaGEO

Chernozem Russia thumb

L’ immagine satellitare che proponiamo questa settimana ai nostri lettori mostra una estesa area di coltivazioni agricole in Russia, ripresa dal satellite per telerilevamento giapponese ALOS (Japanese Advanced Land Observation Satellite): sono visibili -in particolare- strade e corsi fluviali che attraversano i terreni coltivati (folder scaricala in alta risoluzione).

VidaLaser
Aeronike

L’ area  in questione si trova a circa 400 km a sud di Mosca. Al suo interno sono coltivati molti tipi  di cereali, tra cui il grano invernale e la segale.Si tratta di una vasta zona facente parte di un territorio denominato Terra Nera (‘Black Earth Region’), una striscia di terra  che attraversa molte regioni  e che deve il suo nome ad un particolare tipo di terreno di colore nero, chiamato ‘chernozem’. Si tratta di un suolo estremamente fertile che consente una resa molto elevata nella produzione agricola.

La regione della Terra Nera è parte di una  più vasta cintura euro-asiatica di chernozem, che attraversa  territori di Serbia, Bulgaria, Romania, Ucraina, Russia ed infine Siberia. Una cintura molto simile dello stesso tipo di suolo si trova anche tra le praterie del Canada.

Questo tipo di suolo , sia pur in quantità minore,  può essere trovato anche altrove sulla Terra e costituisce il terreno più fertile rintracciabile sul nostro pianeta.

L’ immagine di ALOS  è stata realizzata combinando le acquisizioni  radar effettuate in tre successivi passaggi del satellite, nelle date 14 Giugno 2009, 14 Settembre 2009 e 2 Agosto 2010.

Ad ognuna delle tre immagini  è stato assegnato un colore (rosso, verde o blu), dopodichè sono state combinate assieme per la rappresentazione finale.

La colorazione mette in evidenza  i cambiamenti occorsi sulla superficie tra i successivi passaggi del satellite.

La strumentazione a bordo di ALOS è in grado non solo di rilevare i cambiamenti della superficie, ma può anche essere utilizzata per la identificazione delle specie vegetali e per la predizione dei raccolti.




---



Chernozem Cropland

An area with extensive agricultural use in western Russia is pictured in this image from Japan’s ALOS satellite, with roads and rivers cutting through the cropland (folder download it in Hi-Res).

This area is about 400 km directly south of Moscow. Many grains are grown here, such as winter wheat and rye.

The area is part of Russia’s Black Earth Region, a strip of land across multiple regions that is known for its black soil called chernozem. This fertile soil produces a high agricultural yield.

The Black Earth Region is part of a greater Eurasian chernozem belt, which cuts across parts of Serbia, Bulgaria, Romania, Ukraine, Russia and into Siberia. There is a similar belt of black soil in the Canadian Prairies.

The terrain can also be found in small quantities elsewhere and is the most fertile soil on Earth.

This image is a compilation of three passes by the Japanese Advanced Land Observation Satellite’s radar on 14 June 2009, 14 September 2009 and 2 August 2010.

Each image at the different recording date is assigned a colour (red, green or blue) and combined to produce this representation. The colours reveal changes in the surface between the satellite’s passes.

Satellites can not only detect surface changes, but can also be used for plant identification and for yield prediction.

 

(ESA - Image of the week: "Chernozem Cropland". Traduzione: Gianluca Pititto)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps