NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Sabato, 30 Giugno 2012 07:58

Un secondo aggiunto oggi per il rallentamento della rotazione della Terra

Redazione mediaGEO

 

VLBI-Noto

 

Sabato 30 giugno 2012, un secondo in più è stato aggiunto a mezzanotte per tenere conto del fatto che la Terra sta prendendo sempre più tempo per completare un intero giro - un giorno - o, tecnicamente, un giorno solare.
"Il giorno solare va gradualmente aumentando perché la rotazione della Terra sta rallentando leggermente", dice Daniel MacMillan del NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland USA.
Gli scienziati sanno esattamente quanto tempo ci vuole alla Terra per ruotare perché hanno fatto misurazioni per decenni con una tecnica estremamente precisa chiamata Very Long Baseline Interferometry (VLBI). Misure VLBI vengono effettuate quotidianamente da una rete internazionale di stazioni fino a condurre osservazioni allo stesso tempo e correlare i risultati. NASA Goddard fornisce il necessario coordinamento di queste misure, così come l'elaborazione e l'archiviazione dei dati raccolti. E la NASA sta supportando lo sviluppo della prossima generazione del sistema di Project Space VLBI attraverso l'agenzia di Geodesia, guidata da Goddard.

VidaLaser
Aeronike

Dal VLBI, gli scienziati hanno imparato che la Terra non è il cronometro più affidabile. La rotazione del pianeta sta rallentando a causa delle generali forze di attrazione tra la Terra e la Luna. Ogni 100 anni circa, il giorno aumenta di circa 1.4 millesimi di secondo. 
"Al tempo dei dinosauri, la rotazione completa della Terra avveniva in circa 23 ore", dice MacMillan, che è un membro del team VLBI della NASA Goddard. "Nell'anno 1820, una rotazione ha avuto esattamente 24 ore o 86.400 secondi standard. Dal 1820, il giorno solare medio è aumentato di circa 2,5 millisecondi."
Dal 1950, gli scienziati avevano già capito che alcune misurazioni scientifiche e le tecnologie richieste rchiedevano un cronometraggio più preciso della rotazione della Terra. Così, nel 1967, hanno ufficialmente cambiato la definizione di un secondo. Non era più sulla base della lunghezza di un giorno, ma su una misurazione estremamente prevedibile fatta di transizioni elettromagnetiche in atomi di cesio. Questi "orologi atomici" a base di cesio sono accurati a un secondo in 1.400.000 anni. La maggior parte delle persone in tutto il mondo si affida oggi al tempo standard in base al cesio: Coordinated Universal Time (UTC).

Un altro tempo standard, chiamato tempo universale 1 (UT1), si basa sulla rotazione della Terra sul suo asse rispetto al sole. UT1 è ufficialmente calcolato da misure VLBI, che si basano su punti di riferimento astronomici e hanno una precisione tipica di 5 microsecondi, o 5 milionesimi di secondo, o meglio.
"Questi punti di riferimento sono oggetti astronomici molto distanti chiamati quasar, che sono sostanzialmente immobili se visti dalla Terra, perché si trovano parecchi miliardi di anni luce di distanza", afferma Stephen Goddard Merkowitz, il gestore del progetto di Geodesia Spaziale.
Per le osservazioni VLBI, diverse stazioni in tutto il mondo osservano una quasar selezionata allo stesso tempo, con ciascuna stazione che registra l'arrivo del segnale dalla quasar, e questo viene fatto per una serie di quasar durante una tipica sessione di 24 ore. Queste misure sono effettuate con tale precisione che in realtà è possibile determinare che il segnale non arriva in tutte le stazioni esattamente nello stesso momento. Dalle minuscole differenze nei tempi di arrivo, gli scienziati possono calcolare le posizioni delle stazioni e l'orientamento della Terra nello spazio, come pure calcolare la velocità di rotazione rispetto alle posizioni quasar.
Originariamente, i secondi aggiuntivi sono stati aggiunti per fornire un segnale orario UTC che poteva essere utilizzato per la navigazione in mare. Questa motivazione è diventata obsoleta con lo sviluppo del GPS (Global Positioning System) e di altri sistemi di navigazione satellitare.

Normalmente, l'orologio si dovrebbe aggiustare alle 23:59:59-00:00:00 del giorno successivo. Invece, alle ore 23:59:59 del 30 giugno UTC si sposterà a 23:59:60, e poi a 00:00:00 il 1 ° luglio. In pratica, ciò significherà che gli orologi in molti sistemi si spegneranno per un secondo.
Sono state avanzate proposte di abolire il salto del secondo e lasciare che i due standard di tempo si allontanino. Questo è dovuto al fatto del costo di progettazione per i secondi bisestili e il potenziale impatto di rettificare o trasformare sistemi sincroni. Nessuna decisione sarà presa in proposito, almeno fino al 2015 dalla International Telecommunication Union, un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite, che affronta i problemi nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Se ai due standard si permette di andare sempre più fuori sincronia, essi differirebbero di circa 25 minuti in 500 anni.
Nel frattempo, un secondo di aggiustamento (leap second) continuerà ad essere aggiunto al cronometraggio ufficiale UTC. Il leap second del 2012 è il 35esimo secondo da aggiungere e il primo dal 2008.

In figura in alto la stazione VLBI Italiana di Noto.

(Fonte: NASA Goddard Space Flight Center, Phys.org)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr FOIF formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo