itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Sabato, 27 Agosto 2011 14:23

ESA - Immagine della settimana: Fioriture d'Estate (27 Agosto 2011)

Redazione mediaGEO

bloom barentssea thumb

L’immagine che pubblichiamo questa settimana ci viene offerta dal satellite europeo ENVISAT  e mostra una fioritura di fitoplankton che si estende attraverso il Mare di Barents, al largo della costa del punto più settentrionale dell’Europa continentale: Cape Nordkinn (folder scaricala in alta risoluzione).folder

VidaLaser
Aeronike

La regione più a sud di quest’area di mare – che presenta un profondità media  di 230 m – rimane per lo più libera dai ghiacci  grazie alla temperatura delle correnti  di deriva Nord Atlantiche. Questa circostanza contribuisce a favorire una particolare produzione biologica, elevata se comparata a quella di altre aree marine alle stesse latitudini.

In particolare il fitoplankton, che - libero di fluttuare in prossimità della superficie marina- rende evidenti i vortici delle correnti oceaniche, attraverso spettacolari lame di colore blu e verde. Questi microscopici organismi marini, che si spostano scivolando sulla superficie  marina o immediatamente al di sotto di essa, sono anche stati battezzati “l’erba del mare”, perché costituiscono la base della catena alimentare degli oceani.

Questi semplicissimi organismi giocano anche un altro  ruolo che li avvicina alle piante “verdi” di terra nel processo di fotosintesi: il fitoplankton è infatti in grado di convertire componenti inorganiche -come acqua, azoto e carbonio- in materiali organici complessi. Con la abilità di “digerire” tali componenti si ritiene che questi organismi  rimuovano dall’atmosfera tanto diossido di carbonio quanto ne rimuovono le piante terrestri. In tal modo essi acquisiscono tra l'altro una profonda influenza sul clima.

Il fitoplankton è inoltre sensibile ai mutamenti climatici: per questa ragione è molto importante monitorarne la diffusione ed introdurre questi organismi nei modelli di calcolo dei futuri cambiamenti climatici.

Sebbene molti tipi di fitoplankton sono individualmente microscopici, la clorofilla che essi collettivamente  utilizzano per la fotosintesi  tinteggia di caratteristiche colorazioni le acque su cui galleggiano.Questa circostanza  consente il rilevamento di questi piccoli organismi anche dalla spazio, utilizzando sensori dedicati al rilevamento della colorazione oceanica.

A questa categoria di apparecchiature appartiene anche il sensore di ENVISAT denominato Medium Resolution Imaging Spectrometer (MERIS), che ha acquisito questa imagine lo scorso 17 Agosto 2011.

 

***

 

Summer in Bloom

The phytoplankton bloom pictured in this Envisat image stretches across the Barents Sea off the coast of mainland Europe’s most northern point, Cape Nordkinn (folder download it in Hi-Res).

The southern area of this deep shelf sea – with an average depth of 230 m – remains mostly ice-free due to the warm North Atlantic Drift. This contributes to its high biological production compared to other oceans of similar latitude.

Free-floating phytoplankton highlight the whirls of ocean currents in spectacular shades of blue and green. These microscopic marine organisms that drift on or near the surface of oceans and seas have been called 'the grass of the sea' because they are the foundation of the oceanic food chain.

The simple organisms also play a similar role to terrestrial ‘green’ plants in the photosynthetic process. Phytoplankton are able to convert inorganic compounds such as water, nitrogen and carbon into complex organic materials.

With their ability to 'digest' these compounds, they are credited with removing as much carbon dioxide from the atmosphere as their 'cousins' on land – therefore having a profound influence on climate.

They are also sensitive to environmental changes, so it is important to monitor and model phytoplankton into calculations of future climate change.

Although most types of phytoplankton are individually microscopic, the chlorophyll they use for photosynthesis collectively tints the colour of the surrounding ocean waters. This allows for these tiny organisms to be detected from space with dedicated 'ocean colour' sensors, such as Envisat's Medium Resolution Imaging Spectrometer, which acquired this image on 17 August 2011.

 

(ESA - Image of the week: "Summer in Bloom". Traduzione: Gianluca Pititto)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr FOIF formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps