itzh-CNenfrdeptrues
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Mercoledì, 27 Luglio 2011 16:57

Sulle tracce dei ghiacciai

Redazione mediaGEO

circo_concordia
I grandi cambiamenti della Terra, che coinvolgono l’atmosfera e il clima, condizionano pesantemente la biosfera e l’ambiente dell’uomo. Questi cambiamenti sono dimostrati da termometri terrestri precisi e molto affidabili: i ghiacciai.

Aeronike
VidaLaser

 

L’esperienza degli ultimi cento anni sullo studio dei cambiamenti climatici ha prodotto molta letteratura e illustri climatologi si sono riuniti in panel mondiali per discutere del problema.

Tra i tanti protagonisti nel campo naturalistico/ambientale grande contributo alla scienza arriva dall’associazione italiana no profit Macromicroimpegnata nel progetto fotografico-scientifico dal titolo: “Sulle Tracce dei Ghiacciai”, volto a studiare gli effetti dei cambiamenti climatici sui ghiacciai montani più importanti della Terra.

A fine luglio un team specializzato di esperti alpinisti, ricercatori e fotografi partirà per il Caucaso (sistema montuoso che si allunga per circa 1100-1200 km tra il Mar Nero e il Mar Caspio), per effettuare fotografie e per compiere misurazioni glaciologiche. Il tutto verrà seguito da una troupe televisiva specializzata che girerà un documentario in alta definizione sulle attività della spedizione.

Il team della spedizione è composto da grandi nomi tra cui anche quello del ricercatore Stefano Urbini dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il fotografo Fabiano Ventura, i glaciologi Kenneth Hewitt e Riccardo Scotti, il regista Marco Preti e il cameramen Luca Venchiarutti. A seguire il lavoro del team sarà un apposito Comitato Scientifico costituito da illustri nomi nel panorama scientifico internazionale, come Claudio Smiraglia (Professore Ordinario presso la Facoltà di Scienze dell’ “Università Statale di Milano”), Kenneth Hewitt (Professore Emerito di Geografia e Studi Ambientali e ricercatore associato del “Cold Regions Research Centre” della “Wilfrid Laurier University” a Waterloo-Ontario, Canada), Christoph Mayer (dell’ “Accademia delle Scienze di Monaco di Baviera” e membro della “Commissione Glaciologia Tedesca”). La spedizione in Caucaso, che durerà dal 28 luglio al 1 settembre 2011, è la seconda di un piano di cinque spedizioni (il Karakorum, il Caucaso, l’Alaska, le Ande e le Alpi) in tre continenti, previste per avere, a fine progetto, il polso della situazione a livello mondiale. La prima, che si è svolta in Karakorum nel 2009, ha avuto un grande successo scientifico e mediatico.

Il nostro scopo- affermano Fabiano Ventura e Stefano Urbini dell’INGV, rispettivamente fotografo e esperto glaciologo del progetto- è quello di ripetere le fotografie di antichi esploratori di fine Ottocento - inizio Novecento per compararle con le nuove immagini da noi realizzate e scattate dallo stesso punto geografico, per studiare ed evidenziare le variazioni in atto sul pianeta Terra. I glaciologi sul campo- continua Ventura- faranno misurazioni e acquisiranno dati, che, associati alle immagini comparative, daranno risultati che riferiranno sui cambiamenti climatici associati ai ghiacciai. In definitiva, vorremmo sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche legate alla gestione sostenibile delle risorse naturali”.

Secondo quanto evidenziano dagli esperti, gli scatti fotografici in Caucaso seguiranno i percorsi dei pionieri, che nella storia hanno preceduto i nostri attuali protagonisti.  Solo per ricordare qualche nome in campo italiano: le opere fotografiche di Vittorio Sella (1889, 1890 e 1896), Mario Piacenza (1910), Vittorio Ronchetti (durante gli anni ’10 e ’20 del secolo scorso) e Andrea Pollitzer (1929), o dei grandi pionieri stranieri come Hermann Woolley, Albert Frederik Mummery, Douglas William Freshfield, Mor Dechy e Vilem Heckel.

Molti ghiacciai stanno scomparendo (entro il 2050 l’88% è a rischio estinzione), ma dai risultati ottenuti dalla prima spedizione, si può dire che molti ghiacciai del Karakorum sono stabili e alcuni addirittura sembrano in crescita. E come saranno i dati della spedizione in Caucaso? Non ci resta che seguire le orme del team, soprattutto sul sito web www.macromicro.it, che verrà aggiornato dagli stessi esperti, in tempo reale, sia in lingua inglese che italiana, durante tutto il tempo di svolgimento della spedizione.

Per illustrare le attività svolte sul campo, al ritorno dalla spedizione, è prevista anche l’organizzazione di una conferenza stampa presso la sede centrale dell’ “Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia”.

(fonte: INGV)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago landsat laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Clima: SM2RAIN-CCI un nuovo dataset globale di precipitazioni a lungo termine

    Luca Brocca 08.07.2018 08:02
    Aggiornamento
    Abbiamo appena aggiornato il dataset. Qui trovate la nuova versione https://zenodo.org/record/1305021 ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps