NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Venerdì, 27 Maggio 2011 17:46

Nuova tecnica laser per monitorare Vulcano

Redazione mediaGEO
logo_ingvL'Isola di Vulcano che conta circa 10.000 turisti d'estate è da tempo diventata oggetto di approfonditi e dettagliati studi da parte di scienziati di tutto il Mondo. Vulcano è la più meridionale dell'arcipelago eoliano. La pericolosità di questo vulcano attivo deriva principalmente dal carattere prevalentemente esplosivo e l'attività più recente è stata localizzata principalmente nel cono della "Fossa di Vulcano", che è la struttura vulcanica più recente con i prodotti che sono più giovani di 6000 anni. L'ultima eruzione risale al 1898.
VidaLaser
Aeronike

Da alcuni giorni un gruppo di ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) si sta cimentando in una campagna al fine di raccogliere dati attraverso un'indagine altamente precisa e dettagliata, a scansione laser, che consente di misurare diversi milioni di punti distribuiti su porzioni limitate della superficie terrestre. In questa maniera si possono creare modelli molto precisi di una determinata zona e di conseguenza confrontare i modelli e i dati acquisiti in diverse epoche, monitorando le possibili variazioni nel tempo.
La nuova tecnica a Laser a Scansione Terrestre (TLS) usata dagli studiosi è un salto di qualità, in quanto permette di rilevare una superficie e convertire direttamente il rilievo in coordinate.

Questa tecnica laser operata da terra che vantaggi ha rispetto alla classica tecnica di telerilevamento dall'alto della superficie? Perché in altri termini non ci possiamo accontentare più del rilievo aereo?

Risponde il fisico Arianna Pesci:

"Il rilievo terrestre permette di osservare e rilevare le superfici con un angolo di incidenza ottimale e quindi permette di ottenere un buon risultato anche in presenza di grandi pendenze difficilmente misurabili da una vista aerea. Inoltre le distanze ravvicinate permettono di raggiungere precisioni centimetriche ".

Che cosa si ottiene dalla comparazione tra il modello TSL e il modello aerofotogrammetrico?

"La comparazione, continua la Dott.ssa Pesci, permette sia di osservare le variazioni occorse tra le epoche delle misure (per es. valutare la perdita di masse nelle zone più ripide con accumulo sottostante) e consente, mediante integrazione di ottenere modelli digitali a scala variabile. Inoltre è un metodo più economico e veloce per intervenire in tempi rapidi anche in caso di allarme".

In questi giorni avete posizionato diversi punti di osservazione TLS attorno alla corona del cratere e da ogni punto di stazione avete eseguito più scansioni ruotando lo strumento sul suo asse per acquisire l'intera area di interesse. Ma cosa si ottiene con questo metodo?

Il fisico Giuseppe Casula risponde:

" Allineando tutte le scansioni con gli algoritmi specifici, si ottiene un modello 3D dell'area osservata, da confrontare con i modelli ottenuti precedentemente, al fine di valutare effetti deformativi del suolo, oppure fenomeni di dissesto e erosione tipiche dei crateri vulcanici":

Nella scorsa campagna effettuata nel 2009 avete identificato nella zona della Forgia Vecchia, un' area in leggero abbassamento, identificando così un possibile precursore di eventuali frane. Questa tecnica si può anche applicare ai rischi non solo vulcanici?

"Sicuramente, osserva Casula, si può applicare allo studio di fenomeni franosi in generale, alla modellazione 3D in ambito ambientale e certamente nelle aree urbane e architettoniche. Di recente abbiamo pubblicato un rapporto tecnico che spiega le prestazioni di una versione migliorata di laser scanner per il rilievo su distanza fino almeno a 3km con le stesse precisioni, dimostrando la possibilità di monitorare interi versanti abitati in cui il pericolo di dissesto è presente. I risultati in ambiente architettonico hanno anche in questo caso permesso di fare valutazioni interessanti sullo stato di salute di edifici storici".

Sonia Topazio (Capo Ufficio Stampa INGV)

Per maggiori informazioni ascolta l'audio: http://www.freerumble.com/audio.php?t=audio&id=1200


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo