NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Venerdì, 27 Maggio 2011 13:11

Progetto SISMA. Una storia di successo

Redazione mediaGEO

sisma
L'ASI ha presentato lo scorso 4 maggio alla comunità scientifica e industriale i risultati dello studio sulla gestione del rischio sismico.

“Gli obiettivi raggiunti dal team di SISMA forniscono un bilancio più che soddisfacente e indicano la way to go per lo sviluppo di futuri programmi di Earth Observation. L’ASI proseguirà su questa strada per indirizzare i propri investimenti verso la realizzazione di sistemi in grado di fornire valido supporto alla gestione delle emergenze”.

VidaLaser
Aeronike


È il Direttore Tecnico dell’Agenzia Spaziale Italiana, Mario Cosmo ad aprire i lavori conclusivi del seminario su SISMA (Seismic Information System for Monitoring And Alert), il progetto pilota dell’ASI per il monitoraggio del rischio terremoti, che ha coinvolto tre enti e una ventina di ricercatori, sviluppando un approccio innovativo che supera quello classico di tipo probabibilistico e integra geodetica, geofisica e sismologia.

Nel suo intervento il Responsabile del progetto, Roberto Sabadini, ha ringraziato lo staff di ASI per l’appoggio con cui “è stato possibile studiare gli eventi sismici su scala nazionale, attraverso l’analisi dei dati GPS e dei patterns di riferimento per l’identificazione delle aree critiche. Lo step successivo è stato il calcolo dell’evento su scala locale che ha permesso di fornire una nuova diagnostica di intervento al sistema nazionale di Protezione Civile”.
“A differenza dei precedenti sistemi basati sul calcolo delle probabilità”, ha spiegato Simona Zoffoli, responsabile dello sviluppo del progetto, “SISMA sfrutta i dati captati dai sistemi SAR e GPS per realizzare modelli geofisici, geodetici e sismologici con cui stimare la variazione dello sforzo nel gouge della faglia, in modo da migliorare la conoscenza dei meccanismi di generazione del terremoto e dedurne il comportamento in caso di accumulo di stress”.

Il dominio di dimostrazione ha considerato 3 aree di test localizzate: Gemona del Friuli, Colfiorito in Umbria e il Parco del Pollino in Calabria. Queste aree sono state scelte perché caratterizzate da diversi stati del ciclo sismico: la zona di Gemona del Friuli nel 1976 ha registrato scosse di magnitudo 6.5 sulla scala Richter, Colfiorito nel 1997 è stata interessata da fenomeni di magnitudo 6.0, mentre il Pollino si caratterizza per la sismicità più importante in Italia. A destra, un'immagine catturata da Cosmo SkyMed dell'area di Gemona in Friuli. Le attività del progetto sono state guidate da Galileian Plus con il coordinamento scientifico dell’Università di Milano e la partecipazione del Politecnico di Milano, Università di Trieste e Teleinformatica e Sistemi".

Sul sito dell'ASI sono disponibili i video degli interventi al workshop.

(fonte: ASI)


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo