NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
3D Target
Università Siena Geotecnologie
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Giovedì, 07 Maggio 2009 13:53

INGV e USGS, stazioni sismiche italiane e statunitensi a confronto

Redazione mediaGEO

altSono state descritte in questi giorni dai giornali diversità di misura della magnitudo registrata dai sensori sismici italiani rispetto a quelli dell’USGS statunitense.
L’USGS viene considerato oggi da molti l’unico sito internet dal quale attingere per avere dati geografici “Open Source” ed è molto importante per gestire situazioni in cui non si ha alcun dato geografico a disposizione.

Aeronike
VidaLaser

Per questo motivo ha un apparato scientifico che lavora a scala “mondiale”, con risoluzioni ben diverse dalla scala “nazionale” di maggior dettaglio. Tale differenza è ben nota nel settore della Geomatica e tutti gli operatori che hanno a che fare con la necessità di avere dati geologici, orografici o cartografici in genere, sanno che possono rivolgersi al sito dell’USGS (http://www.usgs.org) e da lì scaricare dati a livello globale. Gli utenti sono al contempo informati che, nonostante la copertura, la risoluzione è molto bassa.
Per l’orografia ad esempio i dati sono forniti sui vertici di una griglia, con lati ampi decine di chilometri, all’interno della quale si ottengono dati interpolati che possono differire di molto dai valori effettivi del terreno.
E’ chiaro per noi, quindi, che anche le stazioni simiche dello USGS siano a tale risoluzione, atte cioè ad offrire una situazione sismica “globale”, ma a bassa risoluzione.
Le informazioni che sono state alla base delle recensioni giornalistiche probabilmente non tenevano conto di questo e la stessa nota ricevuta dall’Ufficio Stampa INGV – relativa alla magnitudo registrata durante il terremoto del 6 aprile a L’Aquila e che riportiamo di seguito – è chiarificatrice sugli aspetti legati alla registrazione di valori differenti da parte dell’INGV e dello USGS.


Gentili signori,

vi ringrazio innanzitutto per l'interesse. Cerchero` di essere breve.
Non dovete stupirvi di queste discrepanze, per vari motivi. In primo luogo le due "misure" sono stime derivate da dati, che sicuramente sono diversi in partenza: l'USGS per questa soluzione indica come stazione piu` vicina una stazione a 26 km. Significa che la localizzazione USGS e` fatta su scala globale. In altre parole, all'USGS importa avere un'idea grossolana (neppure tanto, in fondo: in termini di km le due soluzioni differiscono di una decina di km). L'errore associato e` di alcuni km, mentre per la stima INGV e` di frazioni di km, come potete immaginare, visto che le nostre stazioni sono molto piu` vicine all'epicentro (assumendo che la posizione della prima stazione che registra l'evento e` l'epicentro avremmo un'errore inferiore a quello USGS, ovviamente).
Ci sono altre cose che influiscono abbastanza pesantemente nella determinazione dell'origine del terremoto: p.e. le ipotesi sulla velocita` delle onde sismiche nell'interno della Terra. Il calcolo dell'ipocentro avviene sostanzialmente confrontando i tempi osservati di arrivo delle onde sismiche alle stazioni e i tempi previsti secondo le velocita` nel sottosuolo: capite che differenze nelle velocita` sono destinate a portare a differenze nei risultati. Mentre l'USGS adopera delle tabelle di velocita` su scala globale (ovvero su tutta la Terra), l'INGV usa delle tabelle calcolate per l'area italiana (un po' di piu` ovviamente).
Per la magnitudo la situazione e` anche peggiore: non e` specificato in nessuno dei due casi di che magnitudo si tratti, perche` purtroppo ne esiste una lunga serie ed e` normale che le varie magnitudo non si "parlino" alla perfezione. La stima INGV e` la Magnitudo Locale (quella definita proprio da Richter, come l'ampiezza massima su uno strumento campione, denominato Wood Anderson, corretta per la distanza, etc.etc.). La Magnitudo Locale (ML) e` definita solo fino a 600 km (ovvero non e` corretto adoperare stazioni piu` lontane di 600 km dell'epicentro) e, come saprete, satura (non da` risultati soddisfacenti per i terremoti piu` forti). Per superare queste limitazioni (distanza e saturazione) i sismologi hanno fatto ricorso ad altre magnitudo, con la speranza che negli intervalli in cui queste magnitudo sono definite, le stime fossero equivalenti. Questo non sempre avviene.
Detto questo, se INGV e USGS usassero le stesse stazioni, la localizzazione diversa potrebbe essere sufficiente a giustificare una differenza di 0.1 di magnitudo (purtroppo una discrepanza minima di fatto, rispetto alla realta` delle stime che uno puo` trovare sul web). Se ci aggiungiamo che probabilmente non solo non stiamo usando le stesse stazioni, ma probabilmente neppure la stessa magnitudo, allora vi stupirete che le stime siano cosi` vicine.
Un’ ultima osservazione: senza peccare di campanilismo, state certi che la localizzazione e la stima di magnitudo dell'INGV e` per i terremoti italiani la migliore che possiate trovare, per il semplice motivo che abbiamo la rete sismica che copre totalmente il nostro Paese e lo copre molto da vicino. Non penso che nessuno degli specialisti del campo ci contesti questo.
Spero di aver soddisfatto la vostra curiosita` e vi prego di ricontattarci se qualcosa non vi e` chiaro.

INGV – Instituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr FOIF formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

Geospatial World Forum 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • GALILEO ha circa 100 milioni di utenti

    Rosario 04.08.2018 16:08
    Ingegnere
    Bell articolo…. ci ho fatto la tesi di laurea qualche anno fa e scritto un articolo in merito ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo