NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Martedì, 31 Gennaio 2017 08:09

Il GIS evolve per diventare un sistema di sistemi secondo Jack Dangermond di Esri

Redazione GEOmedia

Allarme sismico un minuto prima, inondazioni prevedibili con 15 giorni di anticipo e progetti di sviluppo pubblico che incorporano il riscontro mediatico dei social sono all'orizzonte per le città, e non un orizzonte lontano, secondo Jack Dangermond.

Dangermond, presidente di Esri, così si è rivolto agli urbanisti che si sono riuniti a Redlands la settimana scorsa da tutti gli Stati Uniti per il Summit annuale della società di tecnologia Geodesign.
Il Summit si basa sulla premessa che "pratiche di pianificazione radicate nel ventesimo secolo potrebbero non essere più adeguate” per costruire comunità intelligenti e vivibili.
I partecipanti hanno esaminato esempi in cui città come San Francisco stanno usando la tecnologia Esri per trovare spazio per la crescita o come la contea di Los Angeles valuta la necessità di parchi.
Esri è una azienda di sistemi informativi la cui piattaforma di cloud-based, ArcGIS, combina mappe e dati per l'analisi. La proliferazione di big data, computer e social media sta trasformando GIS in quello che Dangermond ha definito "un sistema di sistemi".
"Avremo tutti i dati necessari. Avremo tutto il potere del computer di cui abbiamo bisogno, avremo tutta la grande potenza di elaborazione dei dati. Avremo visualizzazioni avanzate. Arriveremo alla portata di tutti i cittadini del pianeta. Tutto questo sta convergendo in questa cosa, la piattaforma che chiamiamo GIS. E sta accadendo in tutto il mondo. "
Dangermond ha parlato il giorno dopo il ritorno da un viaggio in India, dove ha detto che anche gli abitanti dei villaggi sono più impegnati con la tecnologia digitale di molti americani.

Dangermond ha immaginato come città, contee, membri delle iniziative del governo e private federali condivideranno i dati.
"Penso che dovrà solo decollare e crescere come ha fatto Internet."
Indicando un aiuto visivo proiettato sulla parete alle sue spalle, ha aggiunto, "Lungo la parte inferiore della diapositiva si sta andando a creare un sistema nervoso per il pianeta. E 'un po' presuntuoso, ma suona bene."

(Fonte: The Press Enterprise)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwpyx


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze

ESA - Immagine della settimana

Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB

Dalla rivista GEOmedia

Topografia liquida e Fotogrammetria solida

Il neologismo ricorrente relativo alla “musica liquida” ben si adatta a descrivere quello che sta succedendo nel…

Geospatial 4.0, il GNSS Galileo e Einstein

Geospatial 4.0 è il termine usato quest’anno per identificare gli sviluppi del nostro settore. Un momento di profonda…

3D. Una invasione annunciata da tempo.

Le tecnologie del 3D stanno per invaderci sul serio e lo dimostra il fatto che da diversi ambiti giungono fortissimi…
La prima mappa di Plutone con toponomastica

Latitudine, longitudine e toponomastica anche per Plutone

Da circa dieci anni una missione spaziale ha iniziato un viaggio verso un luogo sconosciuto, la cui presenza venne…

Mappare a priori o a posteriori?

Da un pò di tempo fa notizia l’applicazione delle tecnologie geomatiche nella gestione delle emergenze per disastri…
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo