NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Martedì, 17 Gennaio 2017 17:17

Cosa riserva il sistema Galileo all’Italia nel prossimo futuro?

Renzo Carlucci

Sono quasi 20 anni che si parla del sistema Galileo con investimenti che dall’anno 2000 al 2020 arriveranno ad oltre 10 miliardi di euro. Ovviamente ogni paese della Comunità ha dato il suo contributo in quota parte, ricevendo poi benefici più o meno proporzionali all’investimento. Oggi a distanza di quasi venti anni ci chiediamo quale sia la ricaduta di tale investimento per l’Italia.

Di certo l’Italia ha il ruolo di fanalino di coda nel settore pur avendo know-how specifico e strutture di ricerca di tutto rispetto, anche in rapporto a quel mondo che travalicando i confini d’Europa offre competenza e professionalità di alto livello. Galileo si dirige essenzialmente a servizi basati sulla localizzazione (LBS), che dipendono fortemente dall’affidabilità e dalla disponibilità del posizionamento la cui realizzazione, lo ricordiamo, ancora oggi, nelle nostre zone, è affidata al sistema GPS statunitense, e al sistema GLONASS russo.

Il ruolo dell’Italia nel sistema di posizionamento Galileo, dal punto di vista dei servizi indotti, è abbastanza marginale e quanto dei previsti benefici saranno disponibili alle piccole e medie imprese italiane che potrebbero usufruire degli “Initial Services” avviati a fine 2016 e promossi dalla GSA, l’Agenzia del GNNS europeo?

I professionisti del settore topografico non sembrano interessati dal nuovo sistema in quanto gli altri sono disponibili e altamente precisi. Una piccola indagine nel settore ci conferma che da tempo i produttori hanno abilitato la ricezione delle frequenze riservate al sistema Galileo, ma nessuno ancora parla di evidenti vantaggi nell’esecuzione delle misurazioni. Nel settore degli smartphone attualmente risulta un solo produttore, BQ, che con il suo smartphone Aquarius riceve i satelliti Galileo, ma non spiega quale siano i vantaggi, neanche durante un Hackaton promosso recentemente dalla GSA a Praga.

Servizi di interesse prioritario sono nel supporto al soccorso per le emergenze ed anche nella grande accuratezza dell’orologio atomico che porterà all’aumento della precisione sulla localizzazione da singolo, ma avrà molte applicazioni secondarie.

“La geolocalizzazione è al centro dell’attuale rivoluzione digitale, con nuovi servizi che trasformano la nostra vita quotidiana – ha affermato il vicepresidente della Commissione Europea Maroš Šefčovič in occasione della dichiarazione degli Initial services –. Galileo sarà alla base della prossima generazione di tecnologie basate sulla localizzazione, come le automobili autonome, i dispositivi connessi o i servizi urbani intelligenti. Oggi mi rivolgo agli imprenditori europei con questo invito: immaginate cosa potete fare con Galileo. Non aspettate, innovate!”.

Ma in pratica quanto conoscono gli utenti italiani di questa innovazione Europea?

Cercheremo di appurarlo nel corso di questo anno e il primo appuntamento è al numero 1 2017 di GEOmedia dedicato interamente a questo tema con approfondimenti su:

  • Gli Initial Services Galileo
  • I primi gestori del servizio
  • L’impatto nel settore del survey
  • Quali giovamenti per i Location Based Services?
  • GPS e Galileo, lotta ad armi pari?
  • I nuovi servizi per il soccorso 
  • Smartphone Galileo ready, esistono?

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwp4h


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB

Dalla rivista GEOmedia

Topografia liquida e Fotogrammetria solida

Il neologismo ricorrente relativo alla “musica liquida” ben si adatta a descrivere quello che sta succedendo nel…

Geospatial 4.0, il GNSS Galileo e Einstein

Geospatial 4.0 è il termine usato quest’anno per identificare gli sviluppi del nostro settore. Un momento di profonda…

3D. Una invasione annunciata da tempo.

Le tecnologie del 3D stanno per invaderci sul serio e lo dimostra il fatto che da diversi ambiti giungono fortissimi…
La prima mappa di Plutone con toponomastica

Latitudine, longitudine e toponomastica anche per Plutone

Da circa dieci anni una missione spaziale ha iniziato un viaggio verso un luogo sconosciuto, la cui presenza venne…

Mappare a priori o a posteriori?

Da un pò di tempo fa notizia l’applicazione delle tecnologie geomatiche nella gestione delle emergenze per disastri…
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo