NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Martedì, 12 Aprile 2016 17:19

Il primo satellite operativo di GLONASS-K1

Redazione GEOmedia

Confermata con successo la prima attività operativa di uno dei satelliti di ultima generazione GLONASS-K1 (il sistema di posizionamento globale ovvero l'equivalente del GPS americano).

Parliamo di GLONASS-K1 perchè, oltre ad essere il sistema di posizionamento globale russo all'attivo in questo momento, è il terzo sistema di posizionamento della Russia dall'inizio della storia delle attività spaziali. L'ultimo lancio dei 30 satelliti (più i 3 di riserva) del GLONASS-K risale al 1 dicembre 2014, mentre il primo risale all'inizio del 2011, ed il funzionamento è garantito almeno fino al 2024, anno in cui finirà di essere inserito in orbita GLONASS-K2 (il suo successore).

Progettato e costruito dalla ISS-Reshetnev Company, la messa in servizio è stata possibile in seguito ai risultati dei suoi test in volo, che duravano da più di un anno. I satelliti del GLONASS-K1 hanno una massa di 974 kg ed un sistema elettrico di alimentazione con una capacità di 1600 watt. Ogni satellite GLONASS ha sempre avuto proprie frequenze e trasmettono sia L1 che L2.

I nuovi saltelliti K-1 trasmettono anche la frequenza L3 CDMA. Ogni satellite, sia del GLONASS-M (ancora in servizio) sia del GLONASS-K, utilizzano orologi atomici al Cesio. Ne deriva un particolare vantaggio dall'uso coordinato di entrambe le costellazioni: sono caratterizzati dal fatto che se si osservano più satelliti contemporaneamente si ottengono precisioni più accurate e risparmio nei tempi di acquisizione.

Il satellite trasporta anche un carico utile COSPAS-SARSAT volto a sostenere la ricerca e il sistema di soccorso satellitare internazionale. Nel lungo periodo della loro vita, i satelliti GLONASS-K1 saranno tenuti a migliorare sensibilmente le caratteristiche e le funzionalità del sistema russo in previsione di quelli futuri ad esempio: GLONASS-K2. Questi satelliti di nuova generazione sostituiranno gradualmente la serie GLONASS-M che attualmente costituiscono la spina dorsale della costellazione orbitale del sistema. Avverrà nella maniera più ordinata possibile.

Secondo le nostre fonti, i satelliti del GLONASS-K2 saranno pronti al lancio per il 2018, e saranno tutti in orbita entro il 2024. In attesa di quella data il sistema del GLONASS-K1 dovrà svolgere il suo lavoro nella maniera più appropriata. Attualmente, un altro satellite GLONASS-K1, lanciato in orbita il 26 febbraio 2011, si è già sottoposto a test in volo ed è pronto a fornire servizi. Sarà il prossimo di una lunga serie.

 

(Fonte: InsideGNSS)

 
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kaupq

 


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo