NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Sabato, 10 Ottobre 2015 13:49

3D. Una invasione annunciata da tempo.

Renzo Carlucci
Le tecnologie del 3D stanno per invaderci sul serio e lo dimostra il fatto che da diversi ambiti giungono fortissimi segnali che ci spingono a guardare future possibilità di acquisto di semplici stampanti 3D, capaci ormai anche di “stampare” biscotti per la produzione alimentare casalinga.
 
Evidentemente il mondo piatto descritto in Flatland (https://it.wikipedia.org/wiki/Flatlandia) non esiste o ha terminato di esistere appena si è reso conto (1884) che di fatto il mondo reale ha necessità della terza e della quarta dimensione come non mai. 
I cultori della fotogrammetria aerea, terrestre, speciale, architettonica, archeologica o che dir si voglia, lo sanno bene e da tempo si prodigano a ricavare il 3D da immagini piatte. Insieme alla nostra visione cambierà forse anche il nostro DNA con l'impellente necessità di immettere sul mercato nuove tecnologie delle quali il 3D “easy”, come possiamo definirlo oggi, conquisterà nuove coscienze tecnologiche aprendo nuovi mercati prima impensabili. Avevamo da tempo visto le risultanze del 3D nei videogiochi ma ora ci troviamo a usare le interfacce 3D tutti i giorni davanti al nostro PC o al nostro smartphone. Il passo è stato effettuato e varcata la frontiera della limitazione dell’hardware, nuovi orizzonti si sono aperti, basta pensare ai piccoli laser scanner che funzionano sugli smartphone Android e iPhone.
 
Ma al 3D ci riportano fortemente anche tutte le novità di quest'anno, legate soprattutto alla stampa additiva, che sta superando i limiti incredibili del molto piccolo e del tanto grande. Con la stampa additiva si riesce a stampare il tessuto molecolare, ma al contempo l'azienda italiana WASP (http://www.wasproject.it/w/) sta sperimentando le tecniche di stampa del tanto grande, fino a poter stampare in scala 1:1.
 
Non vedo lontana l’epoca in cui i monumenti distrutti dai nuovi barbari dell'ISIS potranno essere ricostruiti come erano attraverso il 3D.
L’Italia tramite la Cooperazione Internazionale sta affrontando in questo momento l’acquisizione dei dati 3D in Iraq, proprio in quei siti archeologici, come la città di UR, ove si disporrà di dati 3D atti a visualizzazioni virtuali o a ricostruzioni in caso di crollo.
 
Su GEOmedia n. 4-2015 le proposte editoriali si fanno interessanti, non solo per i progetti e le tecnologie, ma anche per alcuni articoli che scavano nel profondo di questioni mai sopite, come quello affrontato da Selvini intorno al ruolo dei moderni geomatici, oppure l’interessante tema della Amazzonia senza Fuochi, prima guest paper in lingua spagnola e infine uno dei progetti innovativi che mette insieme il crowd-sensing al servizio della pubblica utilità come quello del progetto Smart Road Sense che trovate nella sezione interviste a cura di Santarsiero. 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kxuyk


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze

ESA - Immagine della settimana

Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB

Dalla rivista GEOmedia

Topografia liquida e Fotogrammetria solida

Il neologismo ricorrente relativo alla “musica liquida” ben si adatta a descrivere quello che sta succedendo nel…

Geospatial 4.0, il GNSS Galileo e Einstein

Geospatial 4.0 è il termine usato quest’anno per identificare gli sviluppi del nostro settore. Un momento di profonda…

3D. Una invasione annunciata da tempo.

Le tecnologie del 3D stanno per invaderci sul serio e lo dimostra il fatto che da diversi ambiti giungono fortissimi…
La prima mappa di Plutone con toponomastica

Latitudine, longitudine e toponomastica anche per Plutone

Da circa dieci anni una missione spaziale ha iniziato un viaggio verso un luogo sconosciuto, la cui presenza venne…

Mappare a priori o a posteriori?

Da un pò di tempo fa notizia l’applicazione delle tecnologie geomatiche nella gestione delle emergenze per disastri…
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo